Presentata l’offerta pubblica da parte di Mediaset per conquistarsi il 100% delle due torri che permettono alla Rai di trasmettere i suoi contenuti. Il Pd: “L’accordo è poco comprensibile, visto che la privatizzazione aperta dal governo permetteva l’acquisto di una quota non superiore al 49%”.

Un’offerta pubblica per conquistarsi il 100% delle torri di trasmissione Rai Way. Nulla di strano se a presentare questa proprosta d’acquisto pubblica non fosse stata Ei Towers, società di telecomunicazioni controllata da Mediaset, e se la Rai non avesse bisogno di Rai Way per andare in onda. L’offerta, da parte della famiglia Berlusconi, è di quasi un miliardo e mezzo di euro. Una possibilità che se venisse approvata, come spiega Sergio Bellucci, esperto di comunicazione e informazione, sarebbe una svolta epocale.

“Questo accordo – spiega Bellucci – prefigura la costruzione di un soggetto monopolista privato nell’ambito delle trasmissioni radiofoniche e televisive. Cosa che sarebbe ben accetta solo nel caso si costituisse un soggetto pubblico in grado di permettere a chi vuole fare comunicazione di trasmettere in modo non concorrenziale su tutto il territorio”. Tuttavia con questa proposta, così come è stata presentata, lo stesso soggetto, monopolista delle risorse pubblicitarie e principale proprietario privato delle tv, diventerebbe anche il proprietario unico degli impianti di trasmissione.

“Il governo, che aveva aperto alla privatizzazione di un pezzo di Rai Way, non può permettere che Mediaset si inserisca nella trattativa e deve bloccare al più presto questo accordo. E vorrei che il governo ci dicesse se in questo paese può esistere un soggetto privato con in mano tutta la capacità trasmmissiva italiana” continua Bellucci.

Nel frattempo l’offerta pubblica d’acquisto di Rai Way ha provocato delle dure reazioni da parte dei deputati M5s della Commissione trasporti, poste e telecomunicazioni della Camera, che hanno chiesto l’immediato intervento dell’Antitrust. Mentre il Pd, rappresentato da Michele Anzaldi, segretario della Commissione di vigilanza Rai, ha spiegato come l’offerta di Mediaset appaia poco comprensibile. Ei Towers non potrebbe ottenere il 100% di Ray Way perché la privitazzione delle due torri, così come era stata decisa, permetterebbe l’acquisto di una quota non superiore al 49%.

Francesca Candioli

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61