Il secondo nuovissimo album della cantautrice italiana Marianne Mirage nasce dal bisogno di voler comunicare quegli aspetti della vita di ognuno di noi che, normalmente, non vengono trasposti in brani musicali. Il disco è un racconto molto personale, con testi crudi capaci di suscitare emozioni forti; musicalmente, si va dal soul più classico a momenti di puro divertimento, grazie alla presenza di un groove intenso. Inoltre, per il video del singolo “L’amore è finito“, l’artista vanta la collaborazione dell’attore Marco Giallini, conosciuto sul set di “The Place” di Paolo Genovese, film per il quale Marianne Mirage ha scritto la canzone “The Place“; la canzone, tra l’altro, è stata nominata ai David di Donatello come miglior canzone originale.

Marianne Mirage: la carriera

La cantautrice cesenate, dopo un’intensa gavetta che l’ha portata a viaggiare e a suonare con diversi musicisti internazionali nei teatri e nei locali di Londra, Berlino, Parigi, Barcellona e New York, firma un contratto come autrice e cantante con l’etichetta Sugar. Nel 2016 pubblica il suo album di debutto “Quelli come me“, un disco autobiografico, un inno alle battaglie quotidiane e alla lotta per le idee. Nel 2017, partecipa al Festival di Sanremo con la hit radiofonica “Le canzoni fanno male”, scritta per lei da Kaballà e Francesco Bianconi, leader dei Baustelle.

Apre i concerti di importanti artisti come Brunori Sas, Patty Pravo, Tiromancino, Kiesza, Jessie Gleen e, soprattutto, la regina del rock americano Patti Smith, che ha scelto personalmente Marianne Mirage dopo averla vista in un video in cui cantava il gospel anni ’20 “Jesus loves me” accompagnandosi alla chitarra. In occasione della New York Fashion Week, è stata invitata da Desigual come artista, performer e volto italiano per il brand spagnolo e, nel 2018, ha personalizzato con i suoi disegni la chitarra Les Paul per il famoso marchio Gibson.

ASCOLTA L’INTERVISTA A MARIANNE MIRAGE: