Oggi, nella nostra rubrica pomeridiana di Fujiko Factory abbiamo avuto il piacere di intervistare Francesco Pellegrini, in arte Maestro Pellegrini, chitarrista, polistrumentista e cantautore, membro del gruppo toscano Zen Circus. Egli è uno dei musicisti più influenti della musica pop/rock italiana, ed ha collaborato con artisti italiani quali Dardust, Motta, Appino, Nada.

Dopo aver pubblicato “Fragile vol. 1” (Blackcandy Produzioni), disponibile su tutte le piattaforme digitali, Maestro Pellegrini pubblica “Fragile vol. 2”, disponibile in digitale dall’11 settembre. Il progetto discografico full lenght dal titolo “Fragile” – costituito e anticipato dai due EP omonimi – sarà disponibile in formato fisico dal 30 ottobre e sulle piattaforme di streaming dal 27 novembre.

Il suo ultimo singolo dal titolo “Inattaccabile”, estratto dall’EP sopracitato “Fragile Vol.2”, è uscito lo scorso 16 ottobre e Maestro Pellegrini ce lo ha presentato ai nostri microfoni.

“Inattaccabile”: al centro c’è il tema della lontananza

“Inattaccabile” è un brano intimo e profondamente autobiografico in cui l’artista disegna con pennellate delicate il ritratto della sorella Chiara, ai suoi occhi forte e “inattaccabile” al di là dei demoni e dei difetti, del tempo e delle difficoltà incontrate.

La canzone ed il videoclip (girato da Valentina Cipriani) analizzano il tema della lontananza tra i due fratelli che, dopo aver vissuto un’infanzia a stretto contatto, si trovano per scelte accademiche e professionali a vivere in due Paesi diversi per molti anni. La distanza però non cambia le loro abitudini più profonde, che restano parallelamente simili rivelando un filo conduttore tra le loro esistenze.

«Io e Chiara ci siamo molto legati perché i momenti di maggiore difficoltà li abbiamo sempre passati insieme – spiega Maestro Pellegrini – Nel brano inizialmente c’è un insieme di ricordi d’infanzia rivisitati proprio con gli occhi di un bambino che cerca di proteggere la sorella minore. In un secondo momento analizza un rapporto più maturo fatto anche di distanze ed incomprensioni ma caratterizzato sempre alla base da un legame fortissimo. Il mio album ha nove tracce e per me tutte potenzialmente potrebbero essere dei singoli, scelgo di volta in volta quale far uscire in base al mio stato d’animo e alle sensazioni che ho dall’esterno. In questo momento, per motivi personali, sento tornare fortissimo il legame con Chiara».

Oltre al progetto solista, Maestro Pellegrini continua a lavorare con gli Zen Circus che definisce “una famiglia più che la band in cui suono”. Il 13 novembre uscirà il loro nuovo album dal titolo “L’ultima casa accogliente”, che potete preordinare e presalvare qui.

ASCOLTA L’INTERVISTA A MAESTRO PELLEGRINI: