Per la nuova puntata di Fermata Provvisoria siamo stati in compagnia di Diena, nome d’arte di Maddalena Diena, cantautrice Milanese. Classe 1998, si avvicina alla chitarra già quando era molto piccola grazie al padre cantautore. Ad undici anni Diena inizia a frequentare la scuola media musicale del proprio paese dove si dedica allo studio della chitarra classica e in contemporanea, a casa, a quello del pianoforte. Gli studi classici che l’ hanno accompagnata successivamente nel periodo del liceo la spingono ad esprimere attraverso la musica le proprie emozioni, che tramite i suoi testi ed alla loro musicalità prendono forma. Le prime canzoni scritte da Diena nascono proprio nei suoi diciassette anni e per molto tempo vengono cantate solo alla ristretta cerchia di amici. Scrivere era ed è tutt’ora per lei una valvola di sfogo, è il modo attraverso cui spiegare sé stessa e la realtà che la circonda.


https://www.instagram.com/maddadiena/?hl=it

 Nel 2017 si iscrive al corso di Laurea in Comunicazione Interculturale a Milano che le permette di entrare in contatto con la Cina, lingua e cultura portante del suo percorso triennale che le regala una nuova visione del mondo e la voglia di andare lontano. In concomitanza al percorso universitario però non smette di scrivere, e in tutta naturalezza, continua a incanalare in pagine e pagine di canzoni racchiuse nelle sue note vocali del telefono i sentimenti forti, le proprie storie, le amicizie perse e ritrovate e la sua città, Milano, sfondo ricorrente di tutti i suoi testi.

I primi singoli di Diena

Nel 2018 inizia registrare in casa alcune delle sue canzoni, con attrezzature improvvisate, nel Gennaio 2019 incontra Andrea Gargioni, attuale produttore, con il quale inizia a selezionare alcuni dei brani tra gli oltre quaranta che erano rimasti chiusi in cameretta fino ad allora. A cavallo tra il 2020 e il 2021, mentre corona il suo percorso di studi con una tesi in antropologia della contemporaneità che analizza propriamente l’immaginario musicale come produzione socio-culturale, Diena pubblica i suoi primi singoli “Tu almeno puoi restare?”, “Io mi perdonerò”, “Credevo ci credessi” e ancora “Il senso e la colpa”. Il suo percorso musicale, ora più fecondo e creativo che mai, non si ferma e Diena continua a portare avanti il suo progetto, nato non come qualcosa di artificioso, ma come una necessaria e spontanea espressione di sè che le permette così di mostrarsi agli altri per quello che è.

ASCOLTA L’INTERVISTA DI DIENA:

Articolo precedenteRocket girls e Aprendo la porta: due nuovi progetti per la rassegna Sguardi al femminile
Articolo successivoBen Goldberg, Raphaël Pannier, Miguel Zenon e Tigran Hamasyan a Salt Peanuts