Fino al 30 aprile 2023, nell’ambito di BOOM! Crescere nei libri (organizzato durante e dopo la Bologna Children’s Book Fair), sono aperte al pubblico la mostra e le attività laboratoriali legate al nuovo fumetto per bambini Elsa, Morandi e l’Uovoverde di Sarah Mazzetti. Negli spazi di Casa Morandi (via Fondazza 36, Bologna) e del Dipartimento educativo MAMbo (via Don Minzoni 14), sono esposti gli originali di Elsa, Morandi e l’Uovoverde, insieme a diversi materiali preparatori. Il volume è edito e la mostra curata da Canicola APS, realizzati con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e del Comune di Bologna con il contributo di Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.

Il fumetto si unisce a fotografia, illustrazione e grafica

Elsa, Morandi e l’Uovoverde è un libro in cui il linguaggio del fumetto si fonde con l’illustrazione, la fotografia e la grafica per dare vita a una storia ispirata al celebre artista Giorgio Morandi. Come ci spiega l’autrice del libro Sarah Mazzetti: «al centro del fumetto c’è la figura di Giorgio Morandi la cui vita molto tranquilla viene però sovvertita da una bambina di nome Elsa che sconvolge il mondo e le abitudini di Morandi poiché vuole diventare una pittrice; questa è la chiave del libro». Il personaggio di Elsa cambia la vita del maestro sconvolgendo la sua routine fino a trascinarlo in un mondo fantastico ambientato in una città sospesa, fatta di bottiglie morandiane diventate edifici giganti. Attraverso il fumetto vengono quindi raccontati frammenti realistici di vita del maestro intrecciati a un piano di racconto fantastico. Come racconta Liliana Cupido, l’editrice del libro: «l’idea del volume nasce con l’intento di far rivivere un personaggio storico importante per il territorio, valorizzarlo e riportarlo in vita attraverso il canale narrativo».

Nella realizzazione del fumetto l’autrice ha utilizzato diversi linguaggi intrecciati fra loro con l’intento di costruire un libro adatto a raccontare la figura di Morandi. Come ci racconta l’autrice Sarah Mazzetti: «è stato difficile all’inizio trovarsi di fronte alla figura di un pittore così grande e dover fare un lavoro visivo su di lui». L’autrice si è trovata infatti ad avere a che fare con il patrimonio artistico legato a lui, una materia impegnativa e seria a differenza del proprio approccio narrativo. Il fumetto sperimenta la coesistenza di diverse componenti intrecciate per costruire un universo particolare: l’illustrazione, la grafica, la fotografia e alcune parti realizzate in 3D. La stessa faccia di Morandi è ad esempio rappresentata attraverso un collage del suo viso costruito partendo da una fotografia dell’artista. Dalle parole di Liliana Cupido l’editrice del volume: «l’autrice è riuscita in maniera straordinaria a far convivere il proprio mondo narrativo e visivo con quello di Giorgio Morandi; abbiamo pensato che lei potesse interpretare l’universo di Morandi dando una visione molto personale attraverso l’intelligenza, l’ironia e la capacità visionaria che lei ha». La scelta di Sarah Mazzetti come autrice per la realizzazione del progetto è arrivata in seguito al successo di un suo libro pluripremiato e realizzato con Canicola edizioni nel 2017 I gioielli di Elsa. Sarah Mazzetti è stata inoltre vincitrice del Premio d’Illustrazione della Bologna Children’s Book Fair nel 2019.

L’ingresso alla mostra Elsa, Morandi e l’Uovoverde è gratuito. Ci saranno anche alcuni appuntamenti dedicati al libro che si svolgeranno durante BOOM! Crescere nei libri e Bologna Children’s Book Fair. Domenica 7 marzo presso l’Accademia di Belle Arti alle ore 16.30 ci sarà un incontro con l’autrice del libro Sarah Mazzetti e con Ilaria Del Gaudio. Mentre alle ore 19.00 presso la libreria per ragazzi Giannino Stoppani avrà luogo il firmacopie dell’autrice insieme ad Alessandro Tota. Domenica 30 aprile alle ore 16.00 presso il Dipartimento educativo MAMbo si terrà infine un laboratorio con l’autrice.

ASCOLTA L’INTERVISTA A SARAH MAZZETTI:

ASCOLTA L’INTERVISTA A LILIANA CUPIDO:

Articolo precedente“Scioperiamo ovunque”, l’8 marzo di Non Una di Meno è ancora di lotta
Articolo successivoLa settimana del Gallery