Uno dei primi grandi investimenti che può fare una persona, in qualità di tempo e denaro, riguarda senza dubbio la propria istruzione. Il diritto allo studio, che è sancito dalla Carta dei Diritti dei bambini approvata dall’ONU nel 1989, rappresenta la possibilità di apprendere una cultura e, successivamente, di costruirsi una propria idea del mondo e del futuro. Una persona istruita, infatti, è libera, capace di comprendere e di prendere decisioni in base alle proprie conoscenze.

Ma i modelli formativi tradizionali oggi risultano superati da nuove modalità di apprendimento, quelle dello studio a distanza, che garantiscono agli studenti maggiore flessibilità e possibilità di conciliare lo studio con altri impegni personali o professionali.

I problemi delle università “tradizionali”

Che l’istruzione sia un percorso importante è ormai cosa nota: si stima, infatti, che quasi il 70% dei diplomati si iscriva all’università, mentre solo il 20% si inserisce direttamente nel mondo del lavoro.

La maggior parte degli studenti ammette di aver scelto di proseguire con il programma di studio per migliorare le probabilità di trovare un buon lavoro, sebbene sostenga che le università italiane risultino troppo generaliste e ricche di problemi. La scarsità di fondi destinati all’istruzione, i contratti di lavoro a breve termine per i docenti e una preparazione troppo teorica e poco pratica, infatti, influirebbero negativamente sulla qualità del percorso formativo.

I punti di forza degli atenei telematici

Tali problemi, uniti alla pressione psicologica e alla troppa burocrazia, spingono sempre più studenti a scegliere l’opzione dell’università telematica. L’80% degli studenti preferisce, inoltre, una modalità di studio più smart, con la possibilità di seguire le lezioni da remoto. Questa modalità, oltre a una notevole comodità pratica, garantisce anche una maggiore sicurezza sanitaria.

Chi è interessato a questa formula di studio, può consultare online la classifica delle migliori università telematiche italiane, dove sono evidenziati i vari atenei suddivisi per caratteristiche, facoltà e corsi di studio.

La scelta di intraprendere un percorso di formazione universitaria telematica può rivelarsi, insomma, un’idea comoda e valida per molti studenti, anche considerata la facilità di iscrizione al programma: è possibile registrarsi in qualsiasi periodo dell’anno, iniziando immediatamente il proprio percorso direttamente da casa.

L’assistenza allo studente, inoltre, è continua e gestita da un tutor assegnato, e c’è la possibilità di avviare chat live direttamente con i docenti. Gli esami, invece, a seconda dell’università, possono essere svolti sia online che in presenza, per garantire un contatto diretto con docenti e tutor, a discrezione dello studente.

Articolo precedenteA Salt Peanuts Francesco Bruno, Guido Coraddu, Biagio Marino, Zeno De Rossi, Wolfert Brederode e Keith Jarrett
Articolo successivoAngela Malfitano porta le riletture del mito di Antigone stasera 25 settembre al Costarena