Il libro di Salvatore Coccoluto “Lucio Dalla. La vita, le canzoni, le passioni”, edito per Diarkos, viene presentato a ridosso del decimo anniversario dalla scomparsa del cantautore bolognese.

Un libro che presenta un’artista fuori dal comune

Il libro di Coccoluto è un’esplorazione del mondo sfaccettato dell’artista fatto di attaccamento alle terre della sua infanzia e della sua maturità, di profonda sensibilità umana e instancabile sperimentazione artistica tra palchi, teatri e mari del Sud. L’autore rivela che questo è un libro scritto con profonda consapevolezza e conoscenza del repertorio di Lucio Dalla, soprattutto del primo periodo che arriva fino ai primi anni novanta. Il cantautore viene presentato come un’artista fuori dal comune, estroso e, ai fini della ricostruzione del suo percorso ma soprattutto del suo lavoro basato sulla musica e sulle parole, è stato fondamentale raccogliere testimonianze e avere un riscontro con collaboratori.

Coccoluto afferma: «è stato importante parlare con persone che hanno condiviso con Dalla momenti creativi, di studio, penso che quello sia stato veramente illuminante per il mio lavoro». Coccoluto, ad esempio, ricorda il musicista Stefano Ricci, scoperto e lanciato da Lucio Dalla e Bruno Mariani che ha raccontato il Dalla in studio.

ASCOLTA L’INTERVISTA A SALVATORE COCCOLUTO:

Articolo precedenteLe lotte dei corpi femminili raccontate da Carolina Capria
Articolo successivoRepressi dal governo, vessati dalle sanzioni occidentali: la vita dei cittadini russi