Trent’anni dopo la sua prima uscita, oggi, 12 marzo, torna l’album “Geniale?” di Lucio Dalla registrato insieme agli Idoli, in versione rimasterizzata e con registrazioni inedite. Il cofanetto racchiude i cd, le bonus tracks e un testo di approfondimento che rievocano l’incredibile storia di uno degli album meno conosciuti e celebrati del cantautore bolognese.

Lucio Dalla, “Geniale?” trent’anni dopo la prima uscita

Tra il 1969 e il 1970 Lucio Dalla registrò una serie di inediti insieme agli Idoli, ma il progetto verrà pubblicato soltanto nel 1991. Un album passato inosservato rispetto ai grandi classici di Dalla, in grado di svelare le sue radici musicali e il periodo che ha preceduto il suo successo. Cinquant’anni dopo, Pressing Line e Sony Music vogliono rendere omaggio e celebrare uno dei più grandi Artisti della storia della musica italiana con questa esclusiva uscita, dopo il successo già ottenuto con la pubblicazione della riedizione degli storici album “Come è profondo il mare”, “Lucio Dalla” e “Dalla” e della raccolta “Duvudubà”.

I dischi sono stati recuperati dal lavoro di Paolo Maiorino, manager della Sony Music brani, il quale era venuto a conoscenza del fatto che Giorgio Lecardi, chitarrista e batterista degli Idoli, aveva recuperato dei nastri che erano stati dati per dispersi. È in questo momento che viene riacceso un nuovo riflettore su un periodo meno conosciuto della carriera di Lucio Dalla.
«Tanti anni fa prestai questi nastri ad un amico, un collezionista di dischi – racconta Lecardi – Mi ero dimenticato di averglieli dati. Lui per onestà un giorno mi ha chiamato dicendo di averli… Riconobbi subito la copertina e li recuperai. Immediatamente informai Lucio che si emozionò come la prima volta che gli feci ascoltare il primo nastro di “Geniale?”».

Gli Idoli sono stati un gruppo che ha accompagnato Dalla in più occasioni e la ripubblicazione di questo disco ritorna ora come un’opportunità in grado di dare al gruppo l’attenzione che ha sempre meritato. Un gruppo che ha vissuto la prima parte della carriera di Lucio.
«Abbiamo registrato appoggiando il microfono su una sedia», ricorda Lecardi. Quelle registrazioni originali sono state in seguito rimasterizzate negli Studi Fonoprint di Bologna da Maurizio Biancani, consentendo un restauro esclusivamente in mono per garantire la migliore resa musicale possibile.

Gli anni della registrazione precedono l’esplosione del successo di Dalla. Era il 1971 quando il cantautore bolognese si esibì per la prima volta sul palco di San Remo con il brano “4/3/1943”, ribattezzato da tutto il pubblico “Gesù Bambino”. La sua inarrestabile ascesa continuerà con brani destinati a entrare nel suo prezioso repertorio: “Piazza Grande”, “Il gigante e la bambina” e “Itaca”.
«L’esperienza di quegli anni mi ha dato tanto. Quando incontrai Dalla, che conoscevo già dal 64, seppi che andava a San Remo e mi chiese se fossi disponibile ad accompagnarlo nelle serate – ha ricordato Bruno Cabassi degli Idoli – Decidemmo di andare a suonare con lui, con quei pochi brani in repertorio. Mi meravigliai di quello che siamo riusciti a fare, con lui c’era una connessione importante. Facevamo qualunque cosa lui intendesse fare e ci ha dato la possibilità di esprimere noi stessi al massimo. Lucio era incredibile, imprevedibile e straordinario».

Vittoria Torsello

ASCOLTA LA PRESENTAZIONE DELLA RIEDIZIONE:

Articolo precedenteBea Lambe è l’ospite della nuova puntata di The Show Must Go On
Articolo successivoSi Cobas, se blocchi un cancello finisci ai domiciliari