È giunta alla sesta edizione #LottoAnchIo, la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi dedicata alla XVI Giornata Mondiale di Lotta al cancro infantile.
Si parla di “lotta” perché – a differenza della guerra, violenta e disumana – si tratta di un vero e proprio scontro fisico tra i bambini e le bambine e la malattia, in cui il primo lottatore è sicuramente il bambino, sostenuto in ogni momento di questo percorso da soggetti competenti e figure di sostegno necessarie. Ciò nonostante, la parola da evidenziare all’interno del titolo della campagna è “anche io”: infatti, spiega Ageop, ognuno di noi può e deve fare qualcosa nel suo piccolo, dal dedicare parte del suo tempo come volontario, a una piccola donazione volta a finanziare la ricerca.

LottoAnchIo: la campagna di Ageop per finanziare la ricerca

Il progetto è curato da Ageop Ricerca (Associazione Genitori Ematologia Oncologia Pediatrica), un’associazione che nasce nel 1982, quando i genitori dei bambini del Reparto di Oncoematologia pediatrica decisero di mettersi insieme per dare concretamente forza al concetto di “alleanza terapeutica”, ossia far sì che i bambini ammalati di tumore fossero circondati da soggetti e competenze necessarie, a partire dai medici ai ricercatori, dagli psicologi ai volontari, in pratica chiunque potesse sostenere la cura e la crescita del bambino.
Ageop nasce all’interno del reparto, e a fianco del reparto, con l’aiuto di medici, personale, volontari e degli stessi bambini, è cresciuta nel tempo, portando avanti di anno in anno progetti sempre più ambiziosi.

Filo conduttore delle varie campagne sostenute finora è l’inevitabile sostegno alla ricerca scientifica, poiché è proprio la ricerca ad immaginare e aprire ogni giorno nuovi orizzonti verso un futuro migliore per i bambini del Reparto di Oncoematologia Pediatrica.
“Se nel 1982 (anno della fondazione di Ageop) solo il 20% dei bambini che si ammalava di tumore aveva la possibilità di guarire – spiega Giada Oliva, responsabile Promozione Ageop e coordinatrice della campagna #LottoAnchIo – oggi le percentuali si sono completamente ribaltate e l’80% dei bambini a cui viene diagnosticato un cancro guarisce. Ma per quel restante, grandissimo e inaccettabile, 20% Ageop continuerà a lottare, fino a quando il cancro infantile non sarà definitivamente sconfitto”.

Il progetto di ricerca di un’ex paziente oncologica

La campagna Ageop 2020 ha come obiettivo quello di raccogliere 50.000 euro, necessari per finanziare un progetto di ricerca scientifica della durata di due anni all’interno del laboratorio di ricerca diagnostica del reparto di Oncoematologia Pediatrica, in cui l’associazione lavora da quasi 40 anni.
In particolare, questo progetto ha un significato se possibile ancor più profondo: a condurlo sarà infatti la ricercatrice Jessica Bandini, che prima di diventare biologa è stata una delle piccole pazienti del reparto. Una volta guarita, ha deciso di restare a fianco di chi sarebbe venuto dopo, per garantire a tutti i bambini che si ammalano di tumore standard sempre migliori di vita e di cura.

Il progetto si inserisce all’interno dell’Accordo Quadro 2019-2023 siglato da Ageop con l’Azienda Ospedaliera Universitaria di Bologna: sono previsti ben 17 progetti di ricerca scientifica, per un impegno complessivo di circa 2 milioni di euro, pensati per accompagnare i bambini e le loro famiglie in tutto il percorso di cura delle malattie oncologiche.
“La continuità dei finanziamenti è quindi la condizione basilare per poter fornire risultati – ribadisce Oliva – Raggiungere l’obiettivo di #LottoAnchIo2020 vorrà dire assicurare ai bambini ammalati di tumore diagnosi tempestive e altamente specifiche a cui poter far corrispondere terapie personalizzate e quindi più efficaci”.

Per poter contribuire alla campagna – Ageop si dice estremamente fiduciosa riguardo la partecipazione e la generosità della cittadinanza, particolarmente legata ad un simile tema – sarà possibile fare una donazione su ideaginger.it, fino al 1 aprile 2020.

La campagna di crowdfunding sarà accompagnata da un programma ricco di eventi, a partire dalla giornata di domenica 2 febbraio, quando Piazza Maggiore ospiterà una giornata di festa dedicata all’infanzia, con attività creative, ludiche, sportive e spettacoli teatrali per bambini e bambine di ogni età.
Per conoscere tutti gli appuntamenti dei prossimi mesi, inclusi quelli dedicati appositamente alla Giornata Mondiale di Lotta al cancro infantile (15 febbraio), si invita a consultare il programma, al sito dell’Ageop.

Teresa Fallavollita

ASCOLTA L’INTERVISTA A GIADA OLIVA: