“Fermiamoci per fermarli”, domani a Roma la manifestazione per lo sciopero del sindacalismo di base, con l’acampada in piazza San Giovanni in preparazione della giornata di sollevazione generale del 19 ottobre. Betti (Usb): “Occorre fermare il governo dei macellai”.

Sciopero sindacalismo di base, parla Massimo Betti di Usb

Uno sciopero dei settori pubblico e privato, una manifestazione a Roma del sindacalismo di base, che darà vita ad un’acampada in piazza San Giovanni con concerti di 99 posse, Banda Bassotti, Assalti Frontali e la partecipazione di Ascanio Celestini, in preparazione alla “sollevazione generale” dei movimenti del giorno successivo. È questo ciò che avverrà domani, venerdì 18 ottobre, a Roma, in un’iniziativa intitolata “Fermiamoci per fermarli“.
“Occorre fermare il governo dei macellai – spiega ai nostri microfoni Massimo Betti di Usb – perché è in atto una vera e propria macelleria sociale”.

Tanti i temi e le rivendicazioni al centro della protesta. La contrarietà al governo delle “larghe intese” si accompagna ad una più generale opposizione alle misure di austerity ordinate dalla Troika e dall’Unione Europea. E poi i temi del diritto all’abitare, del contrasto alla precarietà, della difesa del welfare.
“Credo che l’aspetto più importante di questa manifestazione – prosegue Betti – sia rimettere al centro il tema del conflitto dal basso, l’unica prospettiva per opporsi alle politiche di austerità che stanno mettendo in ginocchio la popolazione”.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61