Siamo giunti al termine della seconda semifinale dell’Eurovision Song Contest 2021 con la rubrica curata dal nostro Eddy Anselmi, che oggi ci parla di due canzoni che ci riportano agli Eightys: una di questa è il pezzo che rappresenta la Danimarca.

Eurovision Song Contest 2021: la Danimarca

I Fyr & Flamme sono il duo che porterà i colori della monarchia parlamentare sul palco dell’Ahoy Arena di Rotterdam: la loro canzone, “Øve os på hinanden“, sembra uscita direttamente dal film “Footloose”, con questo sound dance, decisamente anni ’80. Per la prima volta da quando si può cantare in lingua inglese, cioè dal 1999, la nazione porta un brano completamente in danese, e non con una sola frase come fu per l’ultima edizione, con “Love Is Forever” di Leonora.

Il testo ha per protagonista un teenager che invita la ragazza amata a ballare, dimenticandosi le proprie insicurezze e godendosi il ritmo della musica, senza per forza essere un ballerino esperto. Questo ballo di coppia possiede un sottotesto erotico: «dobbiamo provare, siamo giovani ma presto saremo adulti», è la frase che il protagonista dice alla ragazza nel suo approccio, con una lieve allusione all’amplesso.

Jesper Groth e Laurits Emanuel, membri dei Fyr & Flamme, hanno ottenuto la partecipazione alla kermesse vincendo il Dansk Melodi Gran Prix, e andranno quindi a rimpiazzare Ben & Tan, che l’anno scorso avrebbero dovuto esibirsi con “Yes”. Con questa canzone che Eddy definisce «uscita dal 1987» proveranno a portare la Danimarca sul tetto dell’Eurovision per la quarta volta, l’ultima è stata nel 2013 con Emmelie de Forest, che cantava “Only Teardrops”.

Tozzi e Raf all’Eurovision Song Contest

A proposito di 1987, nell’edizione di Bruxelles l’Italia presentò l’inedita coppia Umberto Tozzi e Raf, con il pezzo scritto con Giancarlo Bigazzi, “Gente di mare“. Raffaele Riefoli, al suo debutto al canto in lingua italiana, si propose di accompagnare all’Eurovision il cantautore torinese, fresco vincitore di Sanremo, quando i suoi due colleghi, Gianni Morandi ed Enrico Ruggeri, dovettero rinunciare per impegni lavorativi, e non poterono quindi esibirsi con “Si può dare di più“.

Il nuovo brano arrivò terzo, sconfitto dall’unico bi-vincintore della storia del contest, Johnny Logan, che quell’anno portava “Hold Me Now”. La canzone ha ottenuto anche un discreto successo anche al di fuori del concorso: ventisette settimane nella Hit Parade italiana arrivando fino al secondo posto, ingressi in classifica anche in altre nazioni europee, diverse cover tra cui una dell’italo-tedesco Nino De Angelo, una dei Ricchi e Poveri, e una in portoghese, “Felicidade”, a opera del cantante brasiliano Fàbio Jr.

Luca Meneghini

ASCOLTA LA RUBRICA DI EDDY ANSELMI:

Articolo precedenteSe un pezzo del Pd di Bologna ti suggerisce di non votarlo
Articolo successivo”Voce nell’etere”, laboratorio di speakeraggio radiofonico