Oggi approda a Fermata Provvisoria un giovanissimo cantautore, reduce dall’esperienza di X-Factor 2020 terminata alla fase finale dei “Last Call”. Il suo nome è Leo Meconi, classe 2004, giovane cantautore e chitarrista che ha iniziato a maneggiare la chitarra all’età di 7 anni e a comporre le sue prime canzoni a 12 anni. Influenzato sin da piccolo dalla musica folk rock di Bob Dylan, di Johnny Cash, di Elvis Presley e soprattutto di Bruce Springsteen, negli ultimi anni Leo si è appassionato anche al pop di Ed Sheeran, Shawn Mendes e Lewis Capaldi.

Nonostante la giovane età, Leo si è già esibito diverse volte dal vivo, organizzando concerti o partecipando a festival e concorsi. A febbraio 2019 ha avuto l’onore di aprire il concerto di Dodi Battaglia, storico chitarrista dei Pooh, davanti al pubblico del Teatro delle Celebrazioni a Bologna. Dodi Battaglia ha anche curato la produzione artistica del suo primo disco di inediti “I’ll Fly Away”, pubblicato a novembre 2019 per Azzurra Music. L’album ha ottenuto molti consensi sia dal pubblico che dalla critica specializzata, che ha accostato Leo ad artisti del calibro di John Denver, Paul Simon, Nike Drake.

Hanno preceduto la pubblicazione di “I’ll Fly Away” due raccolte digitali di cover dal nome “It’s just me… and my guitar”, contenenti 46 cover dei suoi autori preferiti e 4 inediti scritti da Leo in giovanissima età, tra cui “Guitar Man”, brano che racconta la serata del 5 luglio 2016, quando Bruce Springsteen ha invitato Leo sul palco di San Siro per un duetto alla chitarra su Dancing in the Dark, ribattezzandolo poi con l’appellativo di “guitar man” appunto.

A luglio di quest’anno è stato pubblicato il singolo “Self-Respect”, interamente realizzato da remoto durante il lockdown, accompagnato da un coloratissimo lyric video su Youtube.

Leo ha partecipato all’edizione 2020 del famoso talent X-Factor Italia, giungendo alla fase finale dei “Last Call”, ottenendo unanime consenso da parte dei giudici e mettendo in mostra, a soli 16 anni, le sue doti di interprete sul palco.

Nel frattempo, il giovane cantautore ha sempre continuato a scrivere e lavorare per la realizzazione di nuovi brani, l’ultimo dei quali è “Angels & Outlaws” uscito lo scorso 30 ottobre.

“Angels & Outlaws”: il nuovo singolo di Leo Meconi

Leo Meconi, ribattezzato sul palco di San Siro “Guitar Man” da Bruce Springsteen, torna con il nuovo singolo “Angels & Outlaws”, già disponibile in radio e in digitale da venerdì 30 ottobre. Il brano, scritto e composto dallo stesso Leo e prodotto insieme a Filadelfo Castro e Renato Droghetti, ha un testo chiaro, diretto e mostra il punto di vista dell’artista riguardo il periodo storico che il mondo intero sta vivendo.

“Un giorno ho visto in TV le immagini di un uomo inseguito in spiaggia dalla polizia durante il lockdown. All’improvviso una passeggiata al mare era diventata un gesto fuorilegge, da prima pagina.” – dice Leo descrivendo la canzone – “Angels & Outlaws si riferisce alla situazione che stiamo vivendo, parla delle contraddizioni della società attuale, parla di povertà e di depressione, di menefreghismo e di ipocrisia. Ma parla anche di speranza e di persone che piangono lacrime di notte ma si rimboccano le maniche di giorno, persone che vanno avanti nonostante tutto. In fondo credo che siamo tutti un po’ angeli e un po’ fuorilegge”.

Con questo messaggio Leo si fa portavoce della sua generazione, che prova incertezza verso il futuro ma al tempo stesso è speranzosa e ha voglia di lasciare un segno.

ASCOLTA L’INTERVISTA A LEO MECONI: