“È guardando con rispetto e amore le persone che possiamo fare anche noi la rivoluzione della tenerezza”.

La scelta del Papa di parlare a tutti gli esseri umani, cattolici e non, non passa inosservata e viene molto apprezzata. Le critiche più sprezzanti e pesanti arrivano proprio dall’interno, da quel mondo cattolico oltranzista e conservatore che non accetta un percorso di evoluzione, accampando spesso argomentazioni puerili e poco fondate. Abbiamo chiesto un approfondimento al giornalista Giovanni Tridente, che si occupa di informazione religiosa ed è docente di giornalismo d’opinione alla Pontificia Università della Santa Croce

Ascolta l’intervista a Giovanni Tridente, giornalista. Si occupa di informazione religiosa ed è docente di giornalismo d’opinione alla Pontificia Università della Santa Croce.


(foto di Marcello Malpensa)