Sementerie Artistiche è una compagnia teatrale che gestisce l’omonimo spazio agri-culturale di creazione, formazione e residenza artistica, nato all’interno di una azienda agricola nella campagna bolognese, a Crevalcore, come risposta al terremoto emiliano del 2021.
Dall’8 luglio al 7 agosto Sementerie Artistiche organizza, per la sua settima edizione, Le notti delle Sementerie, festival di teatro contemporaneo sotto le stelle, ospitato in un insolito teatro di paglia, con la direzione artistica di Manuela De Meo e Pietro Traldi.

Il programma del Teatro di Paglia di Crevalcore

Il festival ruota attorno ad un singolare teatro di paglia, teatro effimero che ogni anno viene progettato in base alle caratteristiche degli spettacoli che dovrà accogliere, con tanto di quinte, fondale, sedute, e poi alla fine del festival torna ad essere paglia, scomparendo dal campo. «Per l’occasione costruiamo un teatro di paglia che può ospitare fino a 200 persone. È una cosa molto bella, per noi fa un parallelo con l’arte del teatro che è un arte effimera perché si può fruire solo nel momento della rappresentazione. Infatti la paglia che usiamo è quella del campo su cui il teatro viene costruito, dopo il festival la paglia viene venduta e il teatro si disperde in attesa di venir costruito l’anno dopo» racconta Pietro Traldi.

Si inizia venerdì 8 luglio (ore 21) con lo spettacolo, filo conduttore di tutto il festival, Sogno di una notte di mezza estate, in prima nazionale (in replica il 16, 20 e il 29 luglio) con la regia di Federico Grazzini della compagnia Sementerie Artistiche. Un’esperienza immersiva e itinerante che trasforma i luoghi dell’azienda agricola fondendoli con l’atmosfera magica del teatro. Uno spettacolo corale, che accoglie il pubblico in una dimensione nuova, trasformata: bisogna lasciare ogni certezza e immergersi nel mondo ambiguo e magico del bosco, del gioco e del teatro per uscirne a nostra volta rinnovati. Le tematiche di questo spettacolo saranno i fili conduttori dell’intero festival: il sogno, la metafora, l’amore con le sue forme e facce nascoste.

Si conclude domenica 7 agosto (ore 22) con lo spettacolo-cult El loco y la camisa, lavoro considerato un punto di riferimento indiscusso del teatro indipendente argentino, scritto e diretto da Nelson Valente. El loco y la camisa è una commedia noir, dolce e gioiosa al tempo stesso, che colpisce immediatamente il pubblico con l’universalità dei suoi temi e delle sue emozioni. Una drammaturgia che intreccia diversi temi: follia, vita familiare, verità rivelate e violenza domestica. Dal 2009 ad oggi El loco y la camisa ha replicato ininterrottamente a Buenos Aires, in tournée internazionali e festival. Spettacolo in lingua spagnola con sovratitoli in italiano.

Durante tutto il festival saranno attivi il bar e la piccola cucina, con prodotti dell’azienda agricola Valle Torretta e di altri produttori locali.
L’ingresso agli spettacoli è a pagamento con la formula del Biglietto Responsabile che offre diverse fasce di prezzo a scelta del pubblico e la tessera associativa 2022. Per maggiori informazioni clicca qui.

ASCOLTA L’INTERVISTA A PIETRO TRALDI:

Articolo precedenteTutto quello che c’è da sapere sulle vesciche ai piedi
Articolo successivoEasy Pop Estate: puntata di domenica 3 luglio