Oltre alla Val di Susa, che è tornata sotto i riflettori in questi giorni grazie alle manganellate della polizia, ci spostiamo nel nostro territorio. La Tav infatti interessa anche la tratta tra Bologna e Firenze, con lavori già in corso da anni all’altezza del Mugello corredati da danni ambientali e materiali.

Oggi si è tenuta una conferenza stampa a Firenze organizzata dall’associazione Idra, che si occupa appunto delle ripercussioni che hanno questi lavori. Alla conferenza si è parlato dei vari aspetti dei lavori Tav, dai danni erariali a quelli ambientali, arrivando alla conclusione che si sta trattando di un grave momento per la democrazia. In particolare, oggi vediamo come funziona l’assegnazione dei lavori, con la figura del General Contractor e il meccanismo che permette di gonfiare tempi e costi.

Qui sotto puoi ascoltare e scaricare l’intervista al portavoce dell’Associazione Idra Girolamo Dell’Olio, che, partendo dalla conferenza stampa, spiega le questioni della Tav tosco-emiliana

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoRevisionismo e negazionismo, quale Giornata della Memoria?