Cosa c’è di meglio dell’abbinare la bellezza dell’estate, buon cibo per lo stomaco e altrettanto buon cibo per la mente? E’ quanto si propone “Condimenti” festival di cibo e letteratura che compie 10 anni. L’iniziativa nasce da un’idea di Belinda Gottardi, sindaca di Castel Maggiore con delega alla Cultura dell’Unione Reno Galliera; la manifestazione offre una bella mescolanza tra impegno e intrattenimento, tra cultura letteraria e cultura gastronomica, e offre laboratori pratici e informazioni utili a migliorare la qualità della nostra vita. Gli ospiti artistici più noti sono Gabriella Germani, Giorgio Comaschi, Teo Ciavarella e Iskra Menarini. Ma andiamo a vedere il programma che nel prossimo weekend ci offrirà “condimenti”. Dalla sera del 24 Giugno a quella di domenica 26 ci saranno proposte per tutti i palati, in ogni senso.

Una rassegna per nutrire corpo e mente, tra libri, laboratori, musica, teatro.

Innanzitutto, venerdì 24 giugno alle 21 Carlo De Ruggieri sarà artefice di un monologo interattivo che celebra la gioia della vita e delle piccole e grandi cose che la compongono. Sabato 25 Giugno avrà luogo un nutrito programma che partirà dalle 16: una mostra in collaborazione con l’Archivio Storico Olivetti imperniata sulle campagne pubblicitarie più iconiche dell’azienda che negli anni Sessanta produsse alcuni oggetti-simbolo come la mitica Lettera 32. Giacomo Ghidelli presenterà il suo libro “Comunicazione Olivetti: dal mito alla storia”. Sul versante più spiccatamente letterario, Teresa Cinque (nome d’arte di Elisa Giannini) presenta “Amorologia” edito da Longanesi, manuale di sopravvivenza nell’impervio terreno delle relazioni amorose. Alle ore 18 un vero connubio tra cibo e letteratura: Lydia Capasso parla del suo “Il passato è servito” (nel quale ricostruisce la storia di alcuni piatti tradizionali) e nel contempo lo chef Pietro Montanari preparerà “concretamente” uno dei piatti iconici del volume. Poi, Laura Marzi e il suo “La materia alternativa” (Mondadori), il diario di un’insegnante non convenzionale. Alle 20, quando la temperatura concederà respiro, Onav e Claudia Donegaglia proporranno una degustazione di vini toscani. Alle 21,30 l’Arena di Villa Salina ospiterà il “Gabriella Germani Show”, con le imitazioni della celebre attrice.

Domenica 26 colazioni, yoga, pedalate, e incontro con nutrizionisti per scoprire i benefici delle tisane. Rimandiamo al sito della rassegna per la consultazione di un programma vasto, e intersecato a livello di orari. Un laboratorio dal titolo “Ogni ape conta” trasmetterà ai più piccoli l’importanza che ogni creatura riveste all’interno dell’ecosistema. Alle 16.30 un altro laboratorio permetterà di giocare con le parole dei libri, dando spazio alla fantasia e vivendo la pagina scritta come un piacere ludico. Poco dopo, un cooking show che anch’esso sarà un laboratorio di cucina vegetale e sostenibile. Sul fronte letterario, Katia Dal Monte, Marilù Oliva e Gioacchino Criaco, autore di “Anime nere” che ha costituito la genesi dell’omonimo film vincitore di 9 David di Donatello e di 3 Nastri d’argento.

A conclusione della rassegna (domenica sera), un finale ghiottissimo per i bolognesi, ma non in senso culinario bensì artistico. A 10 anni dalla scomparsa di Lucio Dalla, Giorgio Comaschi presenta “A Bologna con Lucio Dalla” un libro di aneddoti e di abitudini del grande artista. A seguire, Teo Ciavarella e Iskra Menarini daranno vita al concerto “Com’è profondo il jazz”.

Ai nostri microfoni, Belinda Gottardi (sindaca di Castel Maggiore) sottolinea con passione la bellezza di Villa Salina, una vera e propria eccellenza territoriale che impreziosisce in modo significativo la rassegna. La quale rassegna è una iniziativa polivalente: oltre alla letteratura (“Condimenti” nasce come festival letterario) comprende musica, teatro, sport, cibo: e attraverso tali attività ed espressioni umane si parla di molti importanti temi: si parla di relazioni, di tematiche di genere, di ambiente ed ecologia, di aspetti profondi e di altri più leggeri facenti entrambi parte delle nostre vite.

Sergio Fanti

ASCOLTA L’INTERVISTA A LUCIANA APICELLA:

ASCOLTA L’INTERVISTA A BELINDA GOTTARDI:

Articolo precedenteTre libri e due film per prepararsi al Rivolta Pride
Articolo successivo“La rivolta è desiderio”, sabato il Pride a Bologna