La CGIL ha presentato questa mattina in una conferenza stampa alla Camera del Lavoro di Bologna le iniziative che ha programmato per venerdì 15 luglio contro la manovra finanziaria del governo Berlusconi.

Il segretario generale cittadino Danilo Gruppi l’ha definita “demenziale e pericolosa” perché non affronta il tema dello sviluppo e dell’uscita dalla crisi e colpisce i redditi medio-bassi. Inoltre a causa dei tagli agli enti locali e allo stop del turn-over dei dipendenti pubblici “a livello locale”, dall’occupazione alla sanità e alla scuola, sarà “un macello da qualunque punto di vista” che metterà a rischio “la tenuta del modello di coesione sociale come conosciuto fino ad ora”. Per questo con lo slogan “Un brutto segnale” la segreteria della Camera del lavoro metropolitana di Bologna in accordo con i segretari generali delle categorie ha dato indicazione alle delegate ed ai delegati di organizzare per il 15 luglio iniziative di protesta con fermate, scioperi ed assemblee da tenersi in tutti i luoghi di lavoro. Qui sotto puoi acoltare e scaricare l’intervista a Danilo Gruppi realizzata dalla nostra inviata Federica Pezzoli

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”