Il 30 settembre, dopo 25 anni di attività, il circolo Iqbal Masih sarà costretto ad abbandonare la sede storica di via della Barca. Fallita ogni mediazione con la proprietà dell’immobile e con l’Amministrazione. Chiusura con una festa che ripercorre le attività e l’impegno sociale.

Il quartiere Barca, la settimana prossima, non sarà più lo stesso. Dopo 25 anni, infatti, perderà uno dei circoli più prolifici e genuini della città.
È con amarezza, ma senza rassegnazione, infatti, che il circolo Iqbal Masih sarà costretto ad abbandonare la sua sede storica di via della Barca, dopo un quarto di secolo di attività.
È l’epilogo di una vicenda nata qualche anno fa, quando la proprietà dell’immobile ha intimato ai ragazzi, qualcuno ormai coi capelli argentati, di lasciare l’edificio storico, nato col nome di Dodi’s Pub, in onore del suo fondatore scomparso cinque anni fa.

Dalla sua nascita, al cambio del nome in onore del sindacalista-bambino pakistano, fino ai giorni nostri, il circolo Iqbal Masih ha rappresentato uno spazio importantissimo per una zona di Bologna un tempo considerata degradata. Senza ordinanze anti-bivacco, ma grazie alle attività ludiche, ricreative, politiche, sociali e culturali del circolo, intere generazioni di ragazzi hanno avuto un punto di ritrovo in cui socializzare, conoscersi, bere qualcosa e, perché no, impegnarsi in prima persona in battaglie civili e politiche. In altre parole: un’alternativa dal basso alla strada e alla sua violenza.

La battaglia dei gestori e dei compagni che hanno animato il circolo si è trascinata anche in tribunale, cercando qualsiasi appiglio legale pur di ribadire la volontà di rimanere nel quartiere.
Alla fine, però, come recita un comunicato del circolo stesso, “il percorso  è stato interrotto da un proprietario immobiliare palazzinaro e dalla miopia delle istituzioni”. A nulla, infatti, è valsa la trattativa col Comune, il quale ha avanzato proposte che i gestori hanno definito “irricevibili”.

Per salutare e abbandonare la sede storica – un arrivederci, non certo un addio – l’Iqbal Masih darà vita ad una due giorni di festa e ricordi che prenderà il via alle 15 di sabato prossimo, 29 settembre, e terminerà il giorno successivo, termine ultimo per occupare il locale di via della Barca.
L’evento, intitolato “Iqbal on the road“, assumerà la forma di vera e propria festa di strada con musica, concerti, teatro, info shop, documentari, relazione del presidente, buffet, colazione, free camping e microfono aperto.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61