Nello stabile occupato da Social Log in via Fioravanti si festeggia la nascita di un bimbo, Nicolas, figlio di Cristina. Il neonato si aggiunge ai 103 minori presenti nell’edificio, che rimane a rischio sgombero dopo il sequestro dello stabile deciso dal Tribunale del Riesame. Gli occupanti festeggiano anche le dimissioni del ministro Maurizio Lupi, artefice del Piano Casa.

All’ex-Telecom, lo stabile occupato a dicembre scorso da Social Log in via Fioravanti, oggi c’è un occupante in più. Si tratta di Nicolas, un bimbo dato alla luce da Cristina, una delle occupanti che trova un tetto nell’edificio che era abbandonato da una decina di anni.
Il bimbo si aggiunge ai 103 minori che già trovano dimora nell’occupazione che è animata da 80 famiglie, per i quali la comunità che si è creata ha già dato vita a una ludoteca, un doposcuola e alle merende autogestite della domenica.

“Quando sarà grande – raccontano da Social Log – Nicolas saprà che la mamma a novembre del 2014, al quinto mese di gravidanza, è stata sfrattata dopo aver perso il lavoro come badante, e ha dormito da sola in stazione centrale e in ripari di fortuna. Poi, insieme ad altre donne coraggiose e uomini coraggiosi, ha iniziato a lottare e a conquistare il proprio diritto all’abitare. Siamo certi che Nicolas sarà orgoglioso!”

Lo stabile attualmente è sotto sequestro preventivo, dopo che il ricorso presentato dalla Procura di Bologna ed accolto dal Tribunale del Riesame. Questo aumenta il rischio di sgombero, un’eventualità che preoccupa ma non spaventa gli occupanti, abituati a vivere in condizioni precarie a causa dell’articolo 5 del Piano Casa, ora superato, che imponeva il distacco delle utenze di acqua, luce e gas per gli stabili occupati.
Va da sè, quindi, che gli occupanti festeggino anche per le dimissioni dell’artefice del Piano Casa, il ministro alle Infrastrutture Maurizio Lupi, coinvolto nell’inchiesta “Sistema” sulla gestione degli appalti per le Grandi Opere.

Social Log, nel salutare l’arrivo del piccolo Nicolas, gli dedica la seconda “Marcia della dignità e della periferia“, che si svolgerà il prossimo 28 marzo, con partenza  alle 15.00 in via Fioravanti.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”