Creare centri di detenzione per sospettati di terrorismo, in pieno stile-Guantanamo. È l’idea del premier francese Manuel Valls per contrastare il terrorismo che ha colpito il Paese. È un’idea giusta ed efficace? Ecco cosa ne pensano i cittadini di Bologna.

Essere reclusi preventivamente, senza alcun processo, perché sospettati di terrorismo. Il premier francese Manuel Valls vuole verificare la fattibilità di realizzazione di una sorta di Guantanamo francese, in cui rinchiudere persone ritenute pericolose per la sicurezza nazionale, tra cui persone che hanno fatto troppi viaggi in Siria, ma anche persone vicine agli ambienti di estrema destra ed estrema sinistra, in odore di terrorismo.
La misura allo studio, che verrebbe inserita nello stato d’emergenza dichiarato in Francia dopo gli attentanti, è giusta ed efficace? La nostra Valeria Paci lo ha chiesto ai cittadini di Bologna.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61