I soggetti allergici sanno bene cos’è l’istamina, dovendo farci i conti ogni anno a causa delle reazioni più o meno forti (a seconda dei casi) legate alle allergie stagionali, ma pochissimi sanno che esiste anche l’intolleranza a questa particolare sostanza. Chi è intollerante all’istamina deve fare molta attenzione soprattutto a tavola, per evitare problemi causati dal consumo di alcuni alimenti particolari; ecco qualche consiglio al riguardo che si rivelerà molto utile.



Come capire se si è intolleranti?

I campanelli d’allarme di questa intolleranza sono diversi, dato che sono numerosi i sintomi che si presentano in particolare durante e dopo i pasti. Tra questi ci sono principalmente gli arrossamenti del viso e di altre zone del corpo, insieme al prurito diffuso che, come spiegato anche sul sito di Eucerin, è uno dei sintomi più comuni di intolleranza all’istamina; anche i disturbi gastrointestinali possono essere dei segnali d’allarme, come pure l’emicrania e il mal di testa in generale, le vertigini, la tachicardia e i cali di pressione. Se si ha il sospetto di essere intolleranti a questa sostanza bisogna seguire una dieta povera di istamina per circa due settimane; nel caso in cui si osserva un miglioramento dei sintomi, l’intolleranza è molto probabile e si dovrebbe modificare di conseguenza la propria alimentazione, reintegrando poi gradualmente i cibi che la contengono.

Cibi da evitare a tavola e consigli

Tra i cibi che dovranno essere fortemente limitati o completamente eliminati dalla propria alimentazione quotidiana troviamo soprattutto i prodotti di fermentazione e maturazione (alcool, aceto e lievito), gli alimenti in scatola (pesce compreso), i prodotti pronti e semipronti, gli insaccati e i salumi. Attenzione anche al pesce fresco (soprattutto a tonno, acciughe, sardine e frutti di mare come molluschi e crostacei) e ai formaggi a pasta dura e molle. Passando alle verdure, bisognerebbe evitare di mangiare spinaci, pomodori e melanzane. Inoltre, esistono cibi che contengono poca istamina ma che ne stimolano la liberazione all’interno dell’organismo, ossia: cioccolato, funghi, diversi tipi di frutta (fragole, ananas, arance, pompelmi, papaya, kiwi, lamponi, pere) e anche frutta secca (mandorle, noci, nocciole, anacardi).
Per aiutare il corpo a contrastare l’intolleranza si può ricorrere a tutti quegli antistaminici naturali come lo zenzero, la camomilla, la vitamina C, gli Omega3, l’aglio, il finocchio, la liquirizia e il ribes nero; anche gli integratori appositamente pensati possono essere di grande sostegno per l’organismo per le intolleranze più gravi.

Articolo precedenteIntervista al Binario69 per L’Ultimo Concerto?
Articolo successivoRicci senza capricci? Ecco come creare un hair look mosso a prova d’estate