Voci dal’universo femminile: dai servizi, alla sanità, dal lavoro alla scuola: c’è tutto un mondo da rivoluzionare.

Il crescentone straborda di presenze di donne la mattina dell’8 Marzo. Quest’anno le mimose si fondono con lo sciopero del movimento  Nonunadimeno. La violenza sulle donne si svela tragicamente non solo col femminicidio, orrenda realtà a testimonianza dell’arroganza patriarcale, ma anche nella vita quotidiana: nel lavoro, in famiglia, nella cultura, nel linguaggio. Oggi le donne scioperano e lottano. Nel pomeriggio manifestazione con “cacerolada” per far sentire il più possibile alla città la volontà di cambiamento di metà del cielo.

Asolta alcune interviste raccolte dalla piazza raccolte da Alessandro Canella

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61