‘’Immaginare il futuro’’ è un’iniziativa promossa dall’associazione BimbòArte e quest’anno, dal 23 al 31 gennaio, presenterà la sua quinta edizione.

L’idea è nata dal desiderio di organizzare diverse attività indirizzate a bambini di tutte le età e adolescenti, ma anche alle famiglie.

Prima del Covid-19 l’associazione organizzava visite e attività in presenza all’interno dei musei, permettendo ai bambini di sperimentare il mondo dell’arte, mentre attualmente si è spostata totalmente sulle piattaforme online.

Una settimana artistica per avvicinare l’arte delle immagini per bambini.

Dal 23 al 31 gennaio a Bologna, l’associazione in collaborazione con Genus Bononiae, Musei della città di Bologna, Alce nero, Naturasi Bologna, Campa, Città del sole Bologna, Mammamma, e museo Mambo offrirà tantissime attività tutte a sfondo artistico.

La rassegna d’arte cerca così di costruire degli spazi di socialità, grazie alle diverse attività culturali, i laboratori, gli atelier, i vari corsi o programmi, tutto accessibile sulle piattaforme online, e totalmente gratuito.

L’obiettivo non è solo quello di costruire una vera e propria partecipazione attiva del territorio locale e degli adolescenti, docenti e mamme in attesa, ma anche quello di valorizzare le capacità personali e sensibilizzare sul tema dell’ambiente.

Il calendario istituzionale avverrà a partire dal 23 gennaio per le scuole, con una visita a una Bologna di 2000 anni fa in realtà virtuale, in collaborazione con History Lab. Invece, alla famiglie, sono dedicati diversi laboratori sulla fotografia, sulla pittura e sullo stimolo creativo.

Interessante anche l’attenzione riposta alle mamme in dolce attesa con la realizzazione di uno Scrapbook, album fotografico realizzato con il metodo Montessori.

Tutte le attività richiedono la prenotazione visto i posti limitati e si possono trovare loro sito.

Virginia Carraro

ASCOLTA L’INTERVISTA A GIOVANNA FIORENTINI:

Articolo precedenteDavide Napoleone racconta Lucia Manzo in “Povera femmina”
Articolo successivoCeretta maschile: vantaggi e svantaggi del trattamento