Con la nuova manovra finanziaria, è stato tra le altre cose introdotto il ticket sanitario di 10 euro per le visite specialistiche, anche le più basilari.

La Regione Emilia Romagna, insieme a numerose altre, si è però opposta alla misura del governo e si sobbarcherà i costi (30 milioni di euro solo fino al 2011) che invece avrebbero gravato sulle spalle dei cittadini. La misura è stata definita da Vasco Errani, presidente della Regione, come “una tassa contro i malati che favorisce i privati”. Di qui la decisione di disobbedire al governo. Abbiamo chiesto cosa ne pensa al dottor Corrado Melega: qui sotto puoi ascoltare l’intervista

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”