Il Teatro degli Angeli riapre le porte per presentare la nuova stagione teatrale 2019/2020.
Il trauma subito questo settembre, quando ignoti hanno appiccato fuoco all’Oratorio Santa Croce, sede del teatro, è ancora fresco nelle menti dei cittadini. Grazie alla tempestività del Comune di Bologna e del Quartiere Savena, però, il teatro è stato dichiarato agibile in tempo record, anche se i lavori di restauro verranno completati la prossima estate.

La nuova stagione del Teatro degli Angeli

La festa di inaugurazione sarà, quindi, questo venerdì 13 dicembre e partirà alle 20:30 con un brindisi, mentre alle 21:00 ci sarà lo spettacolo “Raccontami di Bologna”, una riedizione di uno spettacolo fatto quest’estate davanti all’Oratorio. Per permette ad un numero maggiore di persone di partecipare, si è deciso da farla al Teatro San Salvatore, che ospita più sedie rispetto alle 38 del Teatro degli Angeli.

La stagione, invece, partirà sabato 21 dicembre con il concerto di Natale “Zampogne e stelle comete” un appuntamento tradizionale con l’orchestra Pneumatica Emiliano Romagnola, che si esibirà con musiche natalizie del territorio e dell’appennino, a volte accompagnate da testi in Bolognese.
Tra spettacoli di teatro, danza, cabaret e musica, ci saranno ospiti eccezionali, come Giorgio Comaschi, che andrà in scena venerdì 21 febbraio con “Marconi, l’antennista che cambiò il mondo”. Una biografia teatralizzata che racconta le prime scoperte e i primi successi, i momenti di grande sofferenza, il cambiamento di carattere, il modo di vivere e i risvolti internazionali del genio bolognese.
Martedì 7 aprile sarà in scena Eugenio Bortolini con Lorenzo Ansaloni e presenteranno il loro spettacolo “Due gocce d’acqua”. Racconto di due gemelli eterozigoti, due persone profondamente diverse con un’unica cosa in comune, la loro madre. Si parte proprio dalla dolce attesa, si assisterà ai loro battibecchi nel liquido amniotico e li seguiremo fino all’età adulta, ognuno con le proprie aspettative, i propri obbiettivi e i propri sogni.
I gemelli Ruggeri si esibiranno venerdì 17 aprile con “La stirpe dei Ruggeri”, un percorso nella follia dei gemelli monozigoti, più diversi del mondo conosciuto. Uno spettacolo dove la comicità ha ritmi musicali e la musica, ritmi comici.
Non dimentichiamo il Malandrino e Veronica show, in scena martedì 21 aprile, spettacolo dei due comici senza battute, estranei al quotidiano televisivo, incapaci di imitare un personaggio e negati per la satira politica, due comici innamorati dei loro personaggi, reali o surreali.

Questi sono solo alcuni dei tanti spettacoli di questa ricca stagione. Verrà, inoltre, programmata una rassegna estiva di cui faranno parte gli straordinari spettacoli di Arianni Porcelli Safonov e Lino Guanciale.

Ambra Candini

INTERVISTA A GABRIELE BALDONI: