Nella seconda parte dell’intervista a Giulia Mafai scopriamo come al tempo del Pioniere l’ intelletualità buttasse generosamente il cuore oltre l’ostacolo

La testimonianza della artista/sceneggiatrice ci riporta la voglia di partecipare ad un progetto più ampio, nonostante che in particolare per le donne tutto si facesse assai più difficile. Ancor oggi Giulia Mafai è in grande attività creativa, a dimostrazione di come l’allora redazione di Rodari fosse un vero e proprio laboratorio da cui sono transitati personaggi importanti nella cultura taliana.

A seguire  “I Fumetti a sinistra” si mettono sulle tracce del nuovo fumetto dark degli anni ’60: Diabolik, Kriminal,Satanik: quando l’eroe  negativo prende il sopravvento sui vecchi eroi di cartone buoni come il pane … 

Ascolta la trasmissione

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”