Il Muro del Canto dopo il tour estivo torna con un tour autunnale dove anticipano dal vivo alcuni brani che comporranno l’uscita del nuovo album, una delle tappe della band romana è Bologna, il 19 novembre al Locomotiv Club.

La band romana Il Muro del Canto, suona al Locomotiv Club di Bologna

Il Muro del Canto sono una band nata nel 2010 a Roma ed è composta da Daniele Coccia Paifelman voce; Alessandro Pieravanti voce narrante, batteria e percussioni; Alessandro Marinelli fisarmonica;, Ludovico Lamarra basso; Eric Caldironi basso e pianoforte e infine Franco Pietropaoli alla chitarra elettrica. Fecero il loro primo esordio con il primo singolo Luce, sempre nel 2010, senza fermarsi più. Ora tornano in scena con un tour autunnale con l’anteprima di alcuni brani del nuovo album, oltre che con il singolo “Controvento”, uscito quest’estate. Bologna è una delle tappe, tra le più importanti d’Italia, dove poter ascoltare il loro genere musicale folk rock, tradizionale che tocca proprio il cuore del popolo e come ci racconta Alessandro Pieravanti «In realtà come molto pezzi del Muro racconta di tutte quelle energie che vengono fuori dalla unione tra le persone. Prende come pretesto alcuni momenti storici, li trasforma in qualcosa di più contemporaneo, raccontando di situazioni di avversione da parte del popolo, che si ritrova in difficoltà, che trova nell’unione del mettersi insieme una soluzione, una chiave di lettura ai problemi» questo è il profondo significato di Controvento che esprime un messaggio che possa ispirare tutti.

«Adesso stiamo già presentando nei concerti altri due brani del disco nuovo, uno si intitola “Cometa” e un altro si intitola “Lupa”, quindi chi viene ai concerti già può avere un assaggio abbastanza consistente e come sempre sarà un mix, tra storie un pò più sentimentali, quindi relative alle dinamiche delle relazioni e storia invece un po più politiche» ci anticipa così, Alessandro, i contenuti del prossimo album e le novità presenti nei concerti. «Una grossa soddisfazione, soprattutto vedere negli occhi delle persone di voler uscire, di confrontarsi, di fare esperienza, di partecipare a eventi culturali. Devo dire che che la parte più emozionante è il feedback che si ri ha indietro in termini di emozioni da parte di chi viene ai concerti» ci spiega Alessandro rispetto al ritorno sul palco e le belle emozioni vissute nei live.

ASCOLTA L’INTERVISTA AD ALESSANDRO PIERAVANTI:

Articolo precedenteScuole, genitori in allarme per i problemi nella gestione dei casi Covid
Articolo successivoGEIST MASCHINE vol. 1 il mondo post-apocalittico disegnato su Twitch da LRNZ