Il giornalista Paolo Berizzi con la collaborazione del fotoreporter Antonello Zappadu ha seguito un grammo simbolico di cocaina dalla Colombia fino a Milano estrapolando immagini e testimonianze.
Così nasce il reportage “La bamba”, quaranta giorni raccontati attraverso i volti e le voci di chi è coinvolto in questo gigantesco traffico.

Al confine tra Colombia ed Ecuador, sotto un sole tropicale, si stendono chilometri e chilometri di coltivazioni verdeggianti. Le foglie lucide che brillano sotto il cielo terso del sud America sono denominate Erythroxylum Coca nel linguaggio scientifico e costituiscono l’ingrediente fondamentale per ottenere la cocaina. Ogni giorno i campesinos, così vengono chiamati i contadini locali in Colombia, si affannano durante interminabili ore per coltivare quelle foglie preziose e provvedere al proprio sostentamento. La loro fatica e il loro sudore si traducono in pochi spiccioli, a mala pena due euro al giorno secondo calcoli recenti. Si tratta per lo più di coltivazioni a conduzione familiare, genitori e figli sono coinvolti nella semina e nel raccolto di questa pianta dalla tradizione antica.  Queste immagini contrastano fortemente con i luoghi snodo del traffico di cocaina: le metropoli statunitensi e le grandi capitali europee. Milano è considerata il punto di riferimento del Vecchio Continente per quel che concerne il mercato di questo tipo di stupefacente.

La cocaina dal suo luogo di produzione fino al suo luogo di consumo percorre un viaggio lungo migliaia di chilometri assorbendo denaro e seminando violenza. Si muove prevalentemente via mare. Insospettabili barche a vela solcano le acque salate del Mediterraneo trasportando grosse quantità di droga e riuscendo ad evitare ogni controllo. Il guadagno dei narcotrafficanti è ingente e non ha nulla a che vedere con le vite minime e frugali che conducono i campesinos in Sudamerica.

Il giornalista Paolo Berizzi con la collaborazione del fotoreporter Antonello Zappadu ha seguito un grammo simbolico di cocaina dalla Colombia fino a Milano estrapolando immagini e testimonianze.
Così nasce il reportage “La bamba”, quaranta giorni raccontati attraverso i volti e le voci di chi è coinvolto in questo gigantesco traffico.

Riascoltate l’intervista rilasciata dall’autore Paolo Berizzi ai microfoni di “A qualcuno piace verde”.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”