Già lo scorso anno il Locomotiv Club fu uno dei primi in Italia a organizzare concerti di musica strumentale e dj set, tenutisi all’Arena Puccini, e quest’anno si ripeterà: come parte della rassegna organizzata dai circoli dell’AICS, “La Bella Estate“, il locale gestito da Giovanni Gandolfi tornerà a dividersi tra il nuovo bar, allestito all’aperto nella sua biglietteria e già in attività, l’arena Puccini e il terrazzo del Baumhaus, la cooperativa sociale di progettazione e produzione di progetti in ambito formativo e culturale, e che ha la propria sede al primo piano sopra al storico bar Kinotto, nel parco del Dopo Lavoro Ferroviario.

Il programma del Locomotiv per “La Bella Estate”

A causa dell’ultimo DPCM rilasciato dal governo non sarà ancora possibile, almeno fino al primo luglio, poter usufruire degli spazi interni del Locomotiv, ma il locale era già attrezzato dallo scorso anno per sopperire a questa evenienzia. In occasione della rassegna di eventi che avranno luogo nei circoli dell’AICS, anche il club di via Sebastiano Serlio si è organizzato per offrire serate di divertimento al pubblico, ovviamente in rispetto dei protocolli per la pandemia.

Arriverà alla seconda edizione la serie di concerti che prenderanno piede all’interno dell’Arena Puccini, nel parco del DLF: si comincerà sabato 29 maggio con uno spettacolo dedicato ai venticinque anni dell’uscita del libro “Bastogne” di Enrico Brizzi, in cui si esibiranno ospiti legati all’epoca di ambientazione del testo, cioè la prima metà degli anni ’80.

La rassegna continuerà fino al 12 giugno, chiudendo con due spettacoli dei Coma_Cose, uno alle 18.30 e uno alle 20.30 (quest’ultimo già tutto esaurito), per poi prendersi una pausa e ricominciare il 6 settembre, con una serie di date che verranno comunicate giorno dopo giorno. La modalità di accesso è la stessa dell’anno scorso: biglietti disponibili sulla piattaforma Dice, posti assegnati, con distanziamento tra i nuclei familiari − questo farà variare la capienza tra i 400 e i 450 posti, a seconda del numero di congiunti che presenzieranno.

La vera novità quest’anno sarà quella dell’utilizzo dello spazio del Baumhaus, al primo piano dell’edificio in cui c’è lo storico bar Kinotto, sempre all’interno del parco del DLF. Il terrazzo sarà utilizzato come palco per gli artisti che si esibiranno in musica dal vivo, con il pubblico al di sotto che potrà assistervi nei posti a sedere. In più per il resto di giugno e luglio ci saranno mercatini domenicali e la manifestazione “Teli e Kinotto“, in cui diversi artisti potranno esporre le proprie opere all’interno dei banchetti.

«L’anno scorso siamo arrivati all’estate con il fiato corto, questa volta abbiamo avuto un po’ più tempo per organizzarci − ci racconta Gandolfi − nonostante le condizioni imposte ai nostri locali siano paradossalmente più severe dello scorso anno, noi ci impegniamo per offrire al pubblico il miglior prodotto possibile, con un occhio di riguardo alla situazione Covid, sperando che si possa tornare presto a lavorare come prima».

Luca Meneghini

ASCOLTA L’INTERVISTA A GIOVANNI GANDOLFI:

Articolo precedentePlay list Puntata n. 21 di Domenica 23 Maggio 2021
Articolo successivoVolevano consegnare aiuti ai profughi, solidali bloccati alla frontiera croata