Torna la 36ª edizione del festival Il Cinema Ritrovato, con 397 film in 9 giorni per il più grande appuntamento dei cinefili bolognesi e non solo. Sarà dal 25 giugno al 3 luglio, per nove giorni di proiezioni da mattina sera, in 7 sale coinvolte in città (Sala Scorsese e Sala Mastroianni al Cinema Lumière, Auditorium – DAMSLAB, Cinema Jolly, Cinema Arlecchino, Cinema Europa, Sala Cervi), e il gran finale, tutte le sere, in Piazza Maggiore, oltre che due serate speciali, sempre all’aperto, in Piazzetta Pasolini. «Sarà un Festival enorme con oltre 400 titoli. Sarà un Festival pazzo e unico, in cui si potrà vedere la stagione 1902 e quella del 1922», racconta il direttore artistico Farinelli.

Al via l’estate del Cinema Ritrovato

L’inaugurazione quest’anno toccherà a Stefania Sandrelli, sabato 25 giugno in Piazza Maggiore. Presenterà in programma il nuovo restauro del Conformista di Bernardo Bertolucci, che nel 1970 volle proprio Stefania Sandrelli assieme a Dominique Sanda e Jean-Louis Trintignant in uno dei suoi film visivamente più belli.

Salirà sul palco anche John Landis, autore di cult come Animal House e The Blues Brothers, in occasione di una spettacolare serata finale del festival, domenica 3 luglio, con la proiezione di The Blues Brothers. Il regista sarà ospite per molti giorni a Bologna, impegnato, come docente dell’International Filmmaking Academy, in un lungo stage sul set che coinvolgerà 20 giovani registe e registi da tutto il mondo, che gireranno, dal 27 giugno al 9 luglio, alcuni cortometraggi sotto la guida dello stesso Landis.

E molti sono gli appuntamenti del Cinema Ritrovato con Landis: venerdì 1° luglio, alle ore 18.30, al Teatro Arena del Sole, il regista ripercorrerà in un incontro pubblico la sua lunga carriera artistica. Sabato 2 luglio, alle ore 12 in Sala Auditorium, Deborah Nadoolman, costumista e moglie di John Landis, terrà una lezione di cinema assieme alla costumista Ursula Patzak. Martedì 5 luglio, in una serata speciale “fuori festival”, John Landis tornerà sul palco di Piazza Maggiore per la proiezione di Una poltrona per due. Altra giornata “fuori festival” sarà quella di giovedì 7 luglio, alle ore 18, al MAST, quando Landis introdurrà la proiezione di Tutto in una notte.

Altro ospite di fama internazionale sarà Wes Anderson, in Piazza Maggiore lunedì 4 luglio. Un regalo per appassionati e cinefili nel ricordo di un grande regista americano, Peter Bogdanovich, scomparso all’inizio di quest’anno. Wes Anderson presenterà infatti il nuovo restauro proprio di un film di Bogdanovich, L’ultimo spettacolo – The Last Picture Show.

Altri ospiti attesi saranno Alice Rohrwacher, che presenterà in Piazza Maggiore il suo nuovo film Le pupille, il regista Gabriele Mainetti in Piazza Maggiore per presentare Nosferatu di F.W. Muranu, e Vincenzo Mollica a Bologna per l’attesissimo l’omaggio a Sophia Loren. Non solo proiezioni, perché anche quest’anno si rinnova alla Biblioteca Renzo Renzi l’appuntamento con la Book Fair, la fiera dell’editoria dedicata alle pubblicazioni cinematografiche, con oltre 70 editori. E poi gli incontri al Teatro Arena del Sole e al MAST, per un programma più ricco che mai.

Per consultare il programma completo visitare il sito del Festival.

INTERVISTA A GIANLUCA FARINELLI:

Articolo precedenteUn’esplosione di eventi lgbtq verso il Rivolta Pride
Articolo successivoA Salt Peanuts le chitarre di Miles Okazaki e Mary Halvorson