Loro a Cernobbio, noi a Capodarco. Questo il motto del forum della campagna Sbilanciamoci, pronto a discutere tutte le alternative al pensiero unico per combattere la crisi e rilanciare la cultura della sostenibilità e della finanza etica.

Comincerà domani venerdì 7 settembre il decimo forum di Sbilanciamoci, la campagna che dal 2012 propone alternative concrete alle scelte di politica economica del Governo, basate su diritti umani, sviluppo sostenibile e finanza etica.
Il forum dal titolo L’impresa di un’economia diversa quest’anno proporrà un’alternativa al workshop degli industriali organizzato dallo Studio Ambrosetti, che avrà luogo a Cernobbio.
Nel corso della due giorni, che si terrà a Capodarco di Fermo, nelle Marche, si parlerà “del dibattito l’impellente necessità di ‘cambiare rotta’ di fronte alla crisi dell’economia, dell’Italia e dell’Europa, imboccando vie d’uscita radicalmente diverse rispetto a quelle prospettate”. Cinque sessioni plenarie, sette gruppi di lavoro, due tavole rotonde e oltre settanta relatori si alterneranno nel corso del Forum. Un momento di riflessione e confronto che sembra essenziale di fronte al pensiero unico sulle soluzioni per uscire dalla crisi, rifiutando le oramai tradizionali proposte del pensiero neoliberista, dalle privatizzazioni alla precarietà, dalla supremazia del mercato all’allentamento dei vincoli ambientali.

Selene Cilluffo

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61