Il FESTIVAL JAZZ DI BOLOGNA: il chitarrista Andrea Dessì incontra la cantante Sherrita Duran

ANDREA DESSÌ BLUE QUARTET FEAT. SHERRITA DURAN

Sherrita Duran voce; Andrea Dessì chitarra; Massimo Tagliata pianoforte; Andrea Taravelli basso elettrico; Filippo Mignatti batteria

ore 21:00
Cine Teatro Fanin, San Giovanni in Persiceto (BO)

Protagonisti: Andrea Dessì e Sherrita Duran

Definito dalla stampa ‘Musicista di livello mondiale’, Andrea Dessì è noto nel jazz per il suo virtuosismo chitarristico e per la suo originalità compositiva.

15 gli anni di attività artistica in cui ha firmato le musiche di opere teatrali come “Pulp”, colonne sonore del catalogo Warner Chappell o Rai Trade e pubblicato dieci album, collaborando con artisti non solo nazionali, come Fabio Concato, Arnoldo Foà, Gabriele Mirabassi e Fabrizio Bosso, ma anche internazionali del calibro di Javier Girotto, Frank Marocco e Marius Sverrisson.

Tra i suoi brani originali anche hit come “Non vivo più senza te”, scritta assieme a Biagio Antonacci, “Semplice” per Mietta e “Fuego Lento” per la cantante ceca Helena Vondráčková.

Andrea Dessì ha vinto il Premio Internazionale alla Carriera “Nino Rota’’ e l’Ethic Award. Si è esibito anche in tour internazionali con l’Orchestra Sinfonica Ciaikovskij e per Festival come il Veneto Jazz Festival, il Bologna Jazz Festival e il Musikmesse di Francoforte.

Assieme al fisarmonicista istrionico Massimo Tagliata forma i Marea, gruppo jazz aperto a sperimentazioni inedite e a contaminazioni con musica classica, blues, tango e flamenco.

In molti hanno scritto di Andrea Dessì come per esempio il critico Gianni Gherardi di Repubblica: Chitarrista virtuoso e compositore di talento… per temi e originalità, si colloca tra i prodotti migliori dei solisti under 40 del panorama nazionale.

Sherrita Duran vanta una voce calda, con un timbro morbido e vellutato del tutto particolare, un’ estensione senza confini e con un’ottima tecnica che le permette di essere versatile in diversi stili musicali; e poi una passione per la Lirica ed il Musical fin da piccola. Definita dal critico musicale Mario Luzzato Fegiz “ Soprano Acrobatico, una forza della natura”. Dopo aver trascorso la sua giovinezza a Fresno (sua città natale) si trasferisce a Los Angeles dove si è laureata in Opera lirica/Musica ed Arti vocali presso L’Università del Sud California. Prima di laurearsi nel 1992, inizia la sua carriera artistica che la porta a calcare i palcoscenici prestigiosi degli Stati Uniti (Dorothy Chandler Pavilion/Los Angeles Opera, Pasadena Performing Arts Center, Mark Taper Forum), Canada (Ford Theatre of the Performing Arts a Toronto) e Europa (in tournee con The Albert McNeil Jubilee Singers in Germania, Francia, Austria), con un repertorio che spazia fra i generi più svariati della musica: dalla Lirica al Pop, dal Gospel al jazz, dalla Soul alla musica Dance e Hip-Hop, dal Rhythm and Blues al Musical. Dopo un paio d’anni in tournee Sherrita decide di trasferirsi a New York City dove in quel periodo si è dedicata maggiormente al livello musicale alla Lirica ed ai Musical. Infatti ha preso parte a diversi musical e tra i più importanti “Showboat” e “Candide” nel famosissimo Teatro di Broadway, Il Gershwin. Ha anche partecipato al programma per giovani cantanti lirici al Teatro Dicapo Opera, American Singers’ Opera Project (Cantanti lirici Americani) e alcune trasmissioni televisive come “Good Morning America”, “The Tony Awards” e “The Jay Leno Show”. Nel 2000 è stata premiata “Poeta dell’ anno” dalla rivista New Yorkese Talent in Motion Magazine. Nel 2003 ha vinto una prestigiosa borsa di studio elargita da Gerda Lissner Foundation per cantanti lirici. Dopo nove anni in una città frenetica come New York City e dopo aver acquisito tantissima esperienza in ambito musicale decide di trasferirsi in Italia spinta dalla chiamata di Dio nella sua vita. Una volta trasferita in Italia si esibisce in diversi concerti Gospel in molte città e poco prima di rientrare in America, conosce la persona che da lì a breve avrebbe sposato, Antonio Puccio, e che attualmente le fa da manager

Pensierino della sera

“L’incerto e fuggitivo bagliore di tante stelle cadenti si mescola alla luce di qualche stella fissa, questo è l’affascinante scenario che emerge dal mondo del jazz.”
HARUKI MURAKAMI