Musica e videogame

Arrivano soprattutto dal Giappone i compositori dei brani più famosi per videogame.

Se provate a cercare su Youtube “Super Mario Bros Theme Song”, ovvero la colonna sonora del videogioco più famoso della storia, davanti ai vostri occhi si aprirà una serie di risultati tutti solo il milione di visualizzazioni. Il più cliccato ne vanta addirittura 3, praticamente come una canzone pop, come l’ultimo pezzo trap, come “Fai rumore” di Diodato, che ha appena vinto Sanremo.

Le note giuste al momento giusto, concentrazione e rilassamento. Ecco il segreto di quella sigla. Sempre di più, infatti, il settore del gaming online usa le colonne sonore per sfruttare il fattore emotivo, per favorire sensazioni e per essere riconoscibile. In una parola per creare la giusta atmosfera. In tutti gli ambienti, infatti, un momento fondamentale è quello del sound, ovvero il contorno ideale. Per tornare a quella di Super Mario Bros, il suo autore è il giapponese Koji Kondo, affermato compositore che ha sfruttato il genere musicale Calypso, tipico della cultura afroamericana delle Isole dei Caraibi. A crearlo è stata invece una piccola tastiera.

Stesso grande successo è stata la colonna sonora di Silent Hill, per molti il migliore videogioco mai uscito per la Play Station 2. Le canzoni, infatti, accompagnano il protagonista in ogni spostamento e rendono lo scenario horror ancora più accattivante, persuasivo e agghiacciante. La firma è ancora una volta giapponese: Akira Yamaoka, polistrumentista specializzato nel Dark Ambient, che ha usato anche in Lollipop Chainsaw, Sine Mora, Shadows of the Damned, Rebuild of Evangelion.

Altro esempio famosissimo è The last of Us, una colonna sonora che segna un vero e proprio spartiacque per quanto riguarda la musica da videogame. Il sound sposa il lento scandire degli eventi dando vita ad una esperienza emozionante e probabilmente mai vista in un videogioco. Che viene sfruttata soprattutto dai giochi in prima persona, come Grand Theft Auto, in particolare Vice City, il terzo capitolo della saga. Qui l’organizzazione è addirittura maniacale visto che ci sono tante stazioni radio a disposizione dell’utente. Si va da V-Rock, dove si possono ascoltare gli Iron Maiden, Ozzy Osbourne, Alcatrazz e Tesla, a Wave 103, specializzata in new wave, fino ad arrivare a Flash FM (dove tra le varie tracks spicca sua maesta Michael Jackson) e l’immancabile hip hop di Wildstyle.

Anche nel mondo delle slot machine online non mancano riferimenti alla musica. Tra le tracce più selezionate mentre si tenta la fortuna ci sono “Voodoo Child” di Jimi Hendrix oppure i Guns’n Roses per la videolottery a tema musicale più famosa del mondo. E poi Motorhead, Village People e tanti altri.

Fino a due casi estremi, in senso contrario: Castlevania Harmony of Dissonance, vecchio gioco per Game Boy del 2002, e Resident Evil I. In questo caso, la musica addirittura non c’è.