Per gli artisti, compiere gli anni sul palco è la più bella delle feste. E’ quanto sta per accadere a Bononia Sound Machine, band bolognese che il 30 settembre festeggerà sul palco del Teatro Dehon i (primi) 30 anni di attività.  Quando si giunge a un simile traguardo, ci sono storie di amicizie umane e di intese musicali che hanno saputo resistere alle insidie del tempo: sono state più forti dei personalismi, del pensare di poter fare a meno degli altri, più forti di quei pensieri e tentazioni che ti fanno sentire stretta la realtà in cui vivi. Più forti di quelle inevitabili pulsioni di quando vorresti andare via sbattendo la porta senza nemmeno stare a spiegare perché. In una band ci sono creatività che vogliono esprimersi, e andare d’accordo non è facile, occorre essere disposti a mediare le proprie idee con quelle degli altri, e magari a vedere rifiutata dal gruppo un’idea che ci sembrava bellissima. Per questi motivi, arrivare a 30 anni di convivenza artistica è un traguardo anche umano: si tratta di persone che – come nei matrimoni che funzionano – hanno saputo giorno dopo giorno modularsi, continuando a fare musica pregevole e a fare della stessa musica sentiero di ricerca e miglioramento.

Compie 30 anni la band che suona e divulga musica soul

Bononia Sound Machine è una band di dodici elementi nata nel 1992. Sin dagli inizi i BSM hanno percorso sentieri all’insegna del soul e del funk. Tornando ai giorni nostri, hanno appena prodotto un raffinato album “Let it BSM” nel quale, oltre a riproporre brani dei Beatles, raccontano in musica le radici “black” del quartetto di Liverpool. Ma non ci sarà soltanto l’esecuzione di canzoni: sul palco del Dehon andrà in scena uno spettacolo ricco anche di racconti, di aneddoti, e di proiezioni di video storici che non mancheranno di incantare gli spettatori. Ospiti speciali della serata saranno Joy Gospel Choir e Funky Ladies.

Ricordiamo anche che, oltre a fare dischi e concerti, i Bononia Sound Machine mettono in scena spettacoli teatrali di divulgazione della musica soul. Abbiamo parlato del progetto “Let it BSM” (e della sua nascita) con Lorenzo Bombacini, ufficialmente leader del gruppo. Appuntamento quindi il 30 settembre alle ore 21 al Teatro Dehon.

Sergio Fanti

ASCOLTA L’INTERVISTA A LORENZO BOMBACINI:

Articolo precedenteMemorandum Italia-Libia, quel regalo alla destra sulla pelle dei migranti
Articolo successivoUn tocco di classico / Venti di guerra!