Nella seconda e nella terza puntata di The Show Must Go On abbiamo ascoltato le esibizioni live di Michele Licciardi e dei Bologna Bridge Band. Questa rubrica di Fujiko Factory è nata per dar voce ed un palcoscenico virtuale agli artisti in questo difficile periodo, in cui la musica live è, purtroppo, lontana dal pubblico.

Michele Licciardi è il secondo ospite di The Show Must Go On

Michele Licciardi nasce a Catania il 29/09/1991. Presto si approccia allo studio della chitarra elettrica e entra a far parte di diverse tribute band blues e rock della provincia catanese.

Si avvicina al cantautorato italiano in età più matura ed a Bologna, nella sua stanza, compone brani che faranno parte del suo primo album solista. L’album d’esordio di Michele si chiama “Non sono un cantautore alternativo”, uscito nel 2019 per Noja Recordings di Carlo Barbagallo. Attualmente sta lavorando al suo secondo disco solista.

ASCOLTA L’INTERVISTA DI MICHELE LICCIARDI A:

I Bologna Bridge Band sono ospiti della terza puntata di The Show Must Go On

La Bologna Bridge Band è una street band che prende ispirazione dalle tipiche brass band di New Orleans. Lo stile tipico, caratterizzato da un’importante dose di jazz, viene arricchito aggiungendo una buona parte di funk/hiphop. Questo mix di generi, accompagnate da una serie di coreografie, ripropongono l’atmosfera tipica delle feste di New Orleans.

I brani proposti dalla BBB vanno dai classici della tradizione blues come Blue Monk, a successi più moderni come Funkytown, fino ai brani inediti della band. Attualmente la band è impegnata nell’arrangiamento e nella registrazione di nuovi inediti in attesa di essere pubblicati.

ASCOLTA L’INTERVISTA AI BOLOGNA BRIDGE BAND:

Articolo precedenteIdee al potere
Articolo successivoIl M5S costretto a trattare con Renzi mostra un fronte compatto destinato a sgretolarsi