Questa settimana, per la rubrica Fermata Provvisoria, arriva ai microfoni di Radio Città Fujiko Matteo Cellini, cantante degli Heisenberg. Il progetto Heisenberg nasce a Roma nel Febbraio del 2010 da un gruppo di amici provenienti dalla scena punk hardcore. Dopo la registrazione di una prima demo, inizia l’attività live nella capitale, che fa tappa in tutte le principali sedi istituzionali tra le quali Sinister Noise, Traffic, Dal Verme, Sans Papiers. Nel Dicembre del 2011 vede la luce il primo EP, ‘Immaginarie Linee Matematiche Tra Cielo e Terra’, prodotto e registrato all’Hombre Lobo Studios. L’EP, caratterizzato da forti influenze di matrice emo/post-hardcore (La Quiete, Raein, Massimo Volume, Negazione), ma forte anche di un proprio carattere distintivo dalle intense venature post-rock, riscuote un discreto successo nel circuito del sottobosco.
Si estende a questo punto l’attività live nel resto dello stivale, che vede la band esibirsi in qualità di headliner in festival a Napoli, Milano, Padova, Firenze, Carpi. Nel 2014 il gruppo prima sostituisce la tastiera con una seconda chitarra e rilascia un nuovo singolo, ‘Caporetto’, considerato un secondo capitolo, e la band riparte in tour in Italia e poi in Svizzera.

“Lunazione” è il nuovo album degli Heisenberg

Inizia un periodo difficile, che vede la stesura di nuovi pezzi procedere con tempi dilatati, per via della scomposizione dei componenti in varie aree geografiche. Finalmente, alla fine del 2019, vengono portate a termine le registrazioni del terzo capitolo, ‘Lunazione’, pubblicato in digitale a novembre 2020 ed in seguito anche in 200 copie in vinile. ‘Lunazione’, come il periodo di tempo durante il quale la Luna, veduta dalla Terra, attraversa tutte le sue modificazioni di aspetto e si riconduce in congiunzione eclittica con il Sole. L’album è composto da cinque pezzi che raccontano la ciclicità della vita, con importanti venature strumentali/post-rock che accompagnano lo spoken word, che si ricollega ai seminali di Massimo Volume. Gli intrecci quasi-cervellotici richiamano, oltre i già noti riferimenti, anche sonorità math-rock.

TRACKLIST :

1. Nera Era 2. Hringvegur 3. Il Destino Non Tradisce 4. Nel Nome Del 5. A Chi Mise Ricordi

Formazione della band:

Chitarra: Massimo CardellicchioVoce: Matteo CelliniBatteria: Giovanni ListaBasso: Stefano TamorriChitarra: Giorgio Vallone

ASCOLTA L’INTERVISTA A MATTEO DEGLI HEISENBERG:

Articolo precedenteLa strage dei senza fissa dimora per il freddo e la pandemia
Articolo successivo“Rumore Bianco” di Sativa Rose è l’album della settimana per The Festival’s Backpack