Gianluca Petrella è tra i maggiori specialisti al mondo del suo strumento. Cosmic Renaissance è ispirato alla musica di Sun Ra, icona di un pensiero musicale dall’immaginario afro-futurista, che fonde spiritualità e fisicità in una sorta di contagioso rito sciamanico.

Evento: Sabato 24 ottobre, Ferrara, Torrione Jazz Club, ore 21 e 22:30 Gianluca Petrella Cosmic Renaissance Gianluca Petrella, trombone, effetti; Mirco Rubegni, tromba, effetti; Blake C. S. Franchetto, basso elettrico; Federico Scettri, batteria; Simone Padovani, percussioni

Il progetto originario nasce nel 2007 per celebrare la musica di Sun Ra e prende presto il passo e le sembianze del leader Gianluca Petrella, che disegna un repertorio totale e altrettanto visionario, nel quale convivono mondi sonori e artistici apparentemente lontani filtrati dalla sua personalità. Con il quintetto, l’idea musicale si fonda su una ricerca nuova, ancor più libera, con forme sonore in continua evoluzione, capaci di adattarsi con più facilità ai contesti più svariati. L’operazione si rende possibile per la straordinaria capacità di Petrella di sonorizzare il suo strumento nelle mille situazioni create dal gruppo, mantenendo quindi un’anima “sunraniana“, ma conferendogli una forte impronta personale.


Ascolta l’intervista a Gianluca Petrella
https://archive.org/details/petrella-montatook

Copertine storiche del jazz

Time Out Dave Brubeck

Time Out è un disco del Dave Brubeck Quartet del 1959 della Columbia Records. Il disco è famoso per essere stato il primo album jazz  a superare il milione di copie vendute e per aver portato il jazz ad un vasto pubblico. Time Out presenta dei tempi musicali al tempo inconsueti per gli standard del jazz del periodo (3/4, 9/8 o 5/4).Nonostante dovesse essere un esperimento per il quartetto e avesse ricevuto critiche negative all’epoca della sua uscita, diventò ben presto uno dei più conosciuti album jazz di sempre, riuscendo a scalare le classifiche , grazie anche al singolo Take Five . Nonostante i successi di vendita Brubeck non guadagnò un cent da questo album perché decise di devolvere tuuti i proventi a favore della Croce Rossa.