Nella trasmissione di “Fumetti a sinistra, un mondo dentro al balloon” di domenica 9 maggio, ore 16, a cura di Morena Moretti ed Alfredo Pasquali, incontriamo una nuova figura del Pioniere negli anni ’60: Giana Anguissola, narratrice per ragazzi dal Corriere della Sera al giornale di Gianni Rodari e Dina Rinaldi, passando per il Corriere dei Piccoli.

Due sono le interviste che ci serviranno per conoscere meglio Giana Anguissola. Di famiglia nobile piacentina appena a sedici anni si presenta al Corriere e qui comincia una lunga e feconda carriera che ben presto la porterà ad essere indicata come importante narratrice per ragazzi, o, per meglio dire, per fanciulle, visto la preponderanza di racconti al femminile. Nel Pioniere arriva nel 1964 con La Rosetta, storia di una piccola portinaia a cospetto dei suoi vari inquilini, una sorta di La vita, istruzioni per l’uso di Perec visto con gli occhi di una bambina. Sempre nello stesso anno per il Pioniere presenta “Andò così“, una piccola autobiografia della sua fortunata carriera di scrittrice. Un ritratto dell’Italia del boom che l’Anguissola ha potuto vedere solo in parte perché mancata nel 1966 a sessant’anni.

Per saperne di più con Morena Moretti abbiamo interpellato Luana Salvarani dell’università di Parma e attenta studiosa della Anguissola. A seguire, con l’assessora Roberta Valla del comune di Travo , località estiva dell’Anguissola stessa, verremo ai nostri giorni commentando il premio annuale a carattere letterario del paese proprio dedicato a questa importante scrittrice per ragazzi.

La seconda parte della puntata ci vede arrivare in un’immaginaria farma-edicola del blister a fumetti Monokerostina, graphic novel di Alessandro Baroncini in confezione farmaceutica per scacciare la noia. Ai microfono di Rachele Copparoni l’autore spiega questa sua più che singolare iniziativa.

Ascolta la trasmissione https://archive.org/details/18-giana-anguissola-salvarani-valle-rachele-alessandro-baroncini

Articolo precedenteSka for Workers
Articolo successivoReset, con un nuovo album i Bachi da Pietra ricominciano da tre