“Jack Frusciante è uscito dal gruppo”, il romanzo d’esordio dello scrittore bolognese Enrico Brizzi e cult generazionale, compie vent’anni e verrà celebrato in una festa che si terrà il 12 settembre al Locomotiv Club e con una traversata che l’autore farà a piedi dal Tirreno all’Adriatico.

Il chitarrista John Anthony Frusciante è uscito dai Red Hot Chili Peppers nel 1992, sostituito da Dave Navarro, ma poi c’è rientrato nel 1998 ed è uscito nuovamente nel 2009. La storia reale, a volte, rende attuali romanzi scritti molti anni prima. È quanto è successo, ad esempio, a “Jack Frusciante è uscito dal gruppo“, il fortunato romanzo d’esordio dello scrittore bolognese Enrico Brizzi. Un libro che ha segnato un’intera generazione, quella di chi negli anni ’90 era un adolescente, e che compie vent’anni.

Per festeggiare i vent’anni del libro, lo stesso Brizzi, molto attivo sulla scena bolognese, ha annunciato su Facebook che il 12 settembre si terrà una festa al Locomotiv Club, a cui sono tutti invitati, e che attraverserà l’Italia dall’Adriatico al Tirreno a piedi, coltivando una delle sue passioni: il trekking.

Come tutti sanno, l’epopea del chitarrista statunitense è solo una cornice per la storia, ambientata a Bologna, che è stata definita un romanzo di formazione, con protagonisti Alex ed Adelaide, due ragazzi alle prese con amore e musica nei primi anni ’90. Lo stesso titolo riporta un nome diverso: Jack al posto di John, per non incorrere in possibili problemi per questioni di diritti d’autore.

Il libro, inizialmente pubblicato dalla piccola casa editrice Transeuropa e poi ristampato da Baldini&Castoldi, è stato finalista nel 1995 al Premio Campiello ed è stato oggetto anche di un film che porta la regia di Enza Negroni. Ad interpretare Alex fu un giovanissimo Stefano Accorsi, ancora lontano da diventare uno dei più celebri attori italiani, mentre il ruolo di Aidi fu interpretato da Violante Placido.
Curiosamente nella colonna sonora del film non è presente alcun brano dei Red Hot Chili Peppers.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61