La playlist dell’appuntamento settimanale con Fried Chicken, condotto dai Sons Of Trojan (Edo e Tommy) in diretta dal motel Lorraine di Memphis.Ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1967!

Edo e Tommy la scorsa estate non essendo stati assunti al Bagno 103 ad Orange Beach dai ragazzi di Radio Città Fujiko per ovvi motivi di incompetenza lavorativa, si son rivolti al loro amico Gino che lavora a Memphis ed è proprio grazie a lui che hanno trovato un lavoro al motel Lorraine come custodi, bagnini, camerieri, tutto fare e soprattutto cuochi. 
Tra un ala e un petto di pollo da friggere Edo e Tommy suonano anche qualche disco per deliziare gli ospiti del motel e soprattutto gli artisti della Stax Records che spesso vengono lì a riposarsi (si fa per dire) dopo le loro lunghe sessioni di registrazione.
Con il prode aiuto di Sly Stone e delle sue fattanze i due riescono a venire a conoscenza, nel 1966, di tutta la musica futura per poter fornire al loro pubblico 1 ora di grandi classici e di assolute novità.
Fried Chicken, ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1966!
Questo mercoledì Edo e Tommy sono tornati al lavoro al motel Lorraine dopo la pausa natalizia trascorsa a Bologna.

Ecco la playlist di Mercoledì 11 Gennaio 1967:
Fats Domino – Blueberry hill – Imperial (1956)
James Brown – Let Yourself Go – King (1967)
Louis Jordan – Choo Choo Ch’boogie – Decca (1946)
Isaac Hayes – Hyperbolicsyllabicsesquedalymistic – Enterprise/Stax (1969)
Amos Milburn – Chicken Shack Boogie – Aladdin (1948)
Booker T. & The M.G.’s – Heads Or Tails – Stax (1968)
Johnny Jones & The King Casuals – Soul Poppin’ – Brunswick (1968)
Peter Tosh – Stepping Razor – CBS/Columbia/Intel Diplo (1977)
Willie Mitchell And The Four King Feat Don Bryant – Everything Is Gonna Be Allright – Hi (1965)
Marvin Gaye – Come Get To This – Motown (1973)

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”