La playlist dell’appuntamento settimanale con Fried Chicken, condotto dai Sons Of Trojan (Edo e Tommy) in diretta dal motel Lorraine di Memphis.Ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1967!

Edo e Tommy la scorsa estate non essendo stati assunti al Bagno 103 ad Orange Beach dai ragazzi di Radio Città Fujiko per ovvi motivi di incompetenza lavorativa, si son rivolti al loro amico Gino che lavora a Memphis ed è proprio grazie a lui che hanno trovato un lavoro al motel Lorraine come custodi, bagnini, camerieri, tutto fare e soprattutto cuochi. 
Tra un ala e un petto di pollo da friggere Edo e Tommy suonano anche qualche disco per deliziare gli ospiti del motel e soprattutto gli artisti della Stax Records che spesso vengono lì a riposarsi (si fa per dire) dopo le loro lunghe sessioni di registrazione.
Con il prode aiuto di Sly Stone e delle sue fattanze i due riescono a venire a conoscenza, nel 1967, di tutta la musica futura per poter fornire al loro pubblico 1 ora di grandi classici e di assolute novità.
Fried Chicken, ogni mercoledì dalle 14:00 alle 15:00 un’oretta di soul, funk e pollo fritto in diretta dal 1967!

A Memphis ci sono 17° C quindi ecco la playlist con cui i nostri stacanovisti hanno scaldato il vostro innevato mercoledì pomeriggio.

Hott Snow – Bump Your Funky Boo-Dy (Part 1) – R’Cade Records (1974)
New Birth – Honey bee – RCA Victor (1971)
James Brown – Cold Sweat (Part 1) – King Records (1967)
Al Green – Gotta Find A New World – Hi Records (1969)
The Invitations – Ski-ing In The Snow – Dyno Voice (1966)
The Dramatics – Get Up And Get Down – Volt (1971)
Snow Surfers – The 8 Number – Fnr (2011)
Black Ivory – I Keep Asking You Questions – Today Records (1971)
Lil’ Lavair & The Fabulous Jades – Cold Heat – Lennan (1971)
The Emotions – If You Think It (You May As Well Do It) – Volt (1972)
Purple Snow – Down By The River – Saquarius (197x)

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61