Il pretesto per invitare “Carota” è dato dall’incontro che la conduttrice terrà alla Biblioteca di Anzola Emilia giovedì prossimo 11 maggio in cui si parlerà della scena bolognese degli anni sessanta.

I Judas ebbero una gran fama negli anni che vanno dal 1965 in poi fino alla morte del cantante, Martò. Il loro successo non arrivò al grande pubblico italiano solamente perché rifiutarono di farsi inglobare dallo sfruttamento della case commerciali, scegliendo piuttosto di rimanere puri e fare la musica che volevano senza imposizioni. Bologna ha vissuto un gran fermento allora che vale la pena di ricordare, tantissimi gruppi si formarono e possiamo paragonare quel momento a quello successivo del punk alla fine degli anni settanta.

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61