Un lavoro che mette insieme linee che vanno dal Modern Jazz, al Songwriting, tutto legato con un gusto sopraffino. La strada che deve seguire la “nostra” musica.

Casuale è l’incontro con Francesca, rimango colpito, tanto da farmi inviare (quasi) tutto il suo ultimo lavoro, che peraltro ho già acquistato. Mi assicuro della sua provenienza, non sono tanti i lavori italiani fatti, prodotti, con questo gusto, cura e piacevolezza. Francesca Sortino, ai nostri microfoni dice di amare fin da “giovanissima” le grandi cantanti da Joni Mitchell a Janis Joplin, poi la conoscenza dello Smooth Jazz, di Al Jarreau, George Benson…porterà a unire una linea cantautorale (songwriting) ad una di Modern Vocal Jazz, che unisce Soul, Smooth e Jazz di infinita classe, gusto e senza mai scadere nel “già sentito” aggiunge una raffinatezza e una cura nel lavoro di produzione, che fa di questo “Francy’s kicks” un gioiello da ascoltare con cura e piacere, per i palati più fini.

Variegato, dolce, intenso, fine e piacevolmente immediato, scivola sulla bellissima voce di Francesca, fra l’altro artista a “tutto tondo”, compositrice, scrittrice di testi, questo disco vede partecipazioni e collaborazioni di grande pregio, gli arrangiamenti in gran parte curati da Roberto Rossi, sezioni di archi e fiati, parti ritmiche intense con Bulgarelli al contrabbasso e Angelucci alla batteria. Assieme a Francesca troviamo collaborazioni di grande pregio: Fabrizio Bosso, Franco Piana e Pietro Tonolo.

Un disco pieno di suoni, ma mai ridondante, sempre equilibrato e godibilissimo.
Aspettiamo Francesca a Bologna, magari nei nostri studi ….Buon ascolto.

                                                                                                                     William Piana

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61