Cosa fare stasera a Bologna: last minute. Contenitore culturale e agenda degli eventi in città.

LETTERATURA A BOLOGNA

Libreria coop Ambascaitori, via Orefici 19, ore 18:00:
Fabio Volo presenta il suo nuovo libro “Una gran voglia di vivere”, racconto di una crisi di coppia e del viaggio, fisico ed interiore, per affrontarla. Intervista l’autore Ettore Tazzioli, Direttore di Trc Tv.

La Confraternita dell’uva, via Cartoleria 20/B, ore 19:00:
Presentazione della raccolta di racconti “Viaggi sulla luna”, a cura di Fabrizio Farina. Durante la serata si parlerà anche di “Il vento della luna” libro di Antonio Muñoz Molina. Coordinano l’incontro Luigi Contadini e Francesco Vitucci, insieme a William Piana. A curare le proiezioni ci sarà di Guy Lydster.

Biblioteca Salaborsa, piazza Nettuno 3, ore 18:00:
Giada Scandola, direttore editoriale di Oligo, presenta il libro di Helga Schneider “Per un pugno di cioccolata e altri specchi rotti”. La scrittrice tedesca, è una delle ultime preziose testimoni dell’orrore della seconda guerra mondiale. Nei racconti di questo libro documenta, vicende di fame, sofferenza, speranza, miseria, memoria, guerra e solidarietà; la quotidianità del nazismo.

MUSICA A BOLOGNA

Freakout club, via Emilio Zago 7/C, ore 21:00:
Discomfort Dispatch – Roaming Free Impro Festival. Il festival conta Circa 180 musicisti coinvolti per più di 96 concerti in 11 eventi. L’evento nasce dall’idea di combinare musicisti provenienti da diverse formazioni, con il fine di generare momenti di interazione performativa tra persone che prima dell’esibizione non hanno mai collaborato o suonato assieme.

Macondo, via del Pratello 22, ore 21:30:
I Gajè Gipsy Swing in concerto con Elena Miracola al violino, Alessandro De Laurentiae alla chitarra e Francesco Cervellazzi al contrabbasso.

Jazzclub Ferrara, via Rampari di Belfiore 167, ore 20:00:
Simone Graziano Frontal in concerto. Frontal è il quintetto guidato da Simone Graziano, considerato uno dei migliori pianisti e compositori emersi recentemente nel panorama italiano. Il gruppo torna al Torrione con un plus one: il chitarrista olandese Reinier Baas, tra i più rappresentativi musicisti della nuova generazione del jazz europeo.