Mese

Arturo: interviste, consigli di lettura, bigliografie, letture e appuntamenti. In fondo all’articolo le interviste e il profilo su Anobii, social network dei libri e dei lettori.

INTERVISTA Eleonora Voltolina, Se potessi avere 1000 euro al mese, Laterza 2012
L’autrice è la fondatrice del sito Repubblica degli stagisti, che offre una serie di preziose indicazioni su come trovare, affrontare e concludere positivamente un stage propedeutico al lavoro. Una lunga analisi che giostra attorno alla precarietà e le sue innumerevoli forme: contratti a progetto, partite iva, master, promesse, praticantato e salari sempre bassi. Mentre si parla e si tratta sulla riforma del lavoro, sulla flessibilità dei licenziamenti, sulle difficoltà di entrata nel lavoro, il libro raccoglie tante storie e dipinge un quadro dell’Italia sottopagata:

la negazione – vissuta sulla propria pelle – dell’articolo 36 della nostra Costituzione, che prescrive che ogni lavoratore abbia diritto a «una retribuzione proporzionata alla quantità e qualità del suo lavoro e in ogni caso sufficiente ad assicurare a sé e alla famiglia un’esistenza libera e dignitosa». Anche una sola ora, un solo giorno di lavoro non pagato, o pagato con una cifra palesemente non proporzionata, è un furto non solo ai danni del singolo lavoratore sfruttato: così si ruba la crescita di un’intera nazione. È un furto di futuro.

Il libro è stato scritto durante il 2011, prima dell’arrivo di Monti & Fornero. Il giudizio della Voltolina sul disegno di legge, nelle prossime settimane sarà discusso in Parlamento, se da un lato apprezza alcune provvedimenti come quelli sulle partite iva e i contratti a progetto, dall’altro invece non gradisce “due vizi”: la “mancanza di coraggio nell’eliminare alcune forme contrattuali” e l’assenza di una vera “revisione degli ammortizzatori sociali”. L’Aspi (Assicurazione sociale per l’impiego) “non ha il promesso carattere universale ma tutela solo chi ha un contratto di lavoro subordinato”, i precari, i parasubordinati e gli autonomi sono esclusi. A questo proposito alla domanda se ritene anche lei che i sindacati si siano concentrati sulla difesa di chi ha già il lavoro, e non invece su chi lo deve ancora trovare, Voltolina risponde che sì “i sindacati hanno capito tardi il problema degli stagisti, ora stanno recuperando, ma ancora oggi si occupa troppo di pensionati e di chi ha un lavoro stabile, la polemica sull’art.18 ne è una dimostrazione. Le barricate e le piazze i dovrebbero riempire per i giovani”.

Sotto l’intervista integrale.

BIGLIOGRAFIA La Lega che non perdona

Marco Belpoliti, La canottiera di Bossi, Guanda 2012. Umberto Bossi è il politico dei gesti: il dito medio, le corna, il pugno e l’avambraccio, la pernacchia, o la famosa canottiera sfoggiata su una spiaggia della Sardegna nel 1994, e più volte esibita in luoghi pubblici. Marco Belpoliti si chiede perché il capo leghista esibisca comportamenti tanto provocatori, rompendo una tradizione di stile misurato dei politici italiani della Prima Repubblica. Perché Bossi è un «vitellone », come Alberto, il personaggio del celeberrimo film di Fellini. Un’anticipazione è sul Post.

Eleonora Bianchini, Il libro che la Lega non ti farebbe mai leggere, Newton Compton 2011. Dagli anni del “celodurismo” all’ossessione del federalismo fiscale. I lati oscuri di un partito pieno di contraddizioni: minacce di secessione che si alternano ad abili mosse politiche per acquisire un peso sempre maggiore nel governo del nostro Paese; vilipendi alla bandiera, diti medi alzati e pernacchie in TV che fanno da contrappunto a raffinate strategie orchestrate nei palazzi e nelle ville del potere.
Ma come ha fatto questo movimento, da sempre spina nel fianco della democrazia italiana, a ottenere un simile consenso?

Paolo Stefanini, Avanti Po, Il Saggiatore 2011. La scoperta di un’Italia centrale inedita, è il racconto dei crolli improvvisi del consenso finora monolitico della sinistra, di un popolo impaurito dagli stranieri, dei sindaci indaffarati a inventarsi nuovi riti, degli attivisti che rivendicano il loro passato comunista, dei giovani che credono che il futuro sia di Bossi.

APPUNTAMENTI, possono esserci variazioni

gio 12 aprile @ Modo Infoshop ore 21.30, Paola Soriga DOVE FINISCE ROMA (Einaudi)

ven 13 aprile @ Ambasciatori h18, Carlo Borzaga e Francesca Paini BUON LAVORO – Le cooperative sociali in italia: storie, valori ed esperienze di imprese a misura di persona (Altraeconomia)

ven 13 aprile @ Feltrinelli h18, Serena Bersani, 101 DONNE CHE HANNO FATTO GRANDE BOLOGNA (Newton Compton)

lun 16 aprile @ Ambasciatori h18, PER UN’ITALIA POSSIBILE – La cultura salverà il nostro Paese? di Ilaria Borletti Buitoni (Mondadori)

lun 16 aprile @ Feltrinelli h18, Andrea Bouchard, MAGICA AMICIZIA (Salani)

mar 17 aprile @ Ambasciatori h18, John Peter Sloan, LOST IN ITALY (Mondadori)

mar 17 aprile @ Feltrinelli h18, Pino Casamassima, Renato Curcio, GLI IRRIDUCIBILI. Storie di brigatisti mai pentiti (Laterza)

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61