Il futuro che ci si prefigura non è dei più entusiasmanti e allora perché non immaginarne uno diverso in musica? Sembra questo l’intento di Eticanto – Canzoni di questo mondo, il contest musicale di FestiValori, il festival di Valori.it, testata della Fondazione Finanza Etica.
Fino al 22 settembre gruppi musicali, cantanti e compositori avranno tempo per partecipare al concorso inviando un proprio brano musicale originale su un tema molto ampio: “Un altro futuro: sostenibilità, giustizia sociale, equità, ambiente”.

Eticanto, canzoni di questo mondo: il contest musicale di Valori.it

La nuova edizione di FestiValori si svolgerà nuovamente a Modena dal 20 al 22 ottobre. «All’interno del festival abbiamo pensato di inserire anche una serata musicale – spiega ai nostri microfoni Claudia Vago, project manager di Valori.it – Sarà la finale in cui si esibiranno i quattro cantanti o gruppi finalisti di questo contest che abbiamo chiamato “Eticanto – Canzoni di questo mondo”».
In un’apposita sezione del sito del festival è presente il regolamento che si può sottoscrivere prima di inviare il proprio brano originale sul tema indicato che, appunto, riguarda “un altro futuro”, declinato in tema di sostenibilità, giustizia sociale, equità e ambiente.

«Non è necessario che le canzoni siano inedite – precisa Vago – l’importante è che siano state composte dai partecipanti».
Un’apposita giuria di esperti, i cui nomi saranno rivelati a breve, selezionerà i quattro finalisti, che si esibiranno al Vibra Club di Modena. A quel punto sarà il pubblico a designare i migliori tre, che si aggiudicheranno un premio in denaro e buoni acquisto.

La musica, dunque, si aggiunge ai linguaggi utilizzati dal festival per parlare di finanza etica e sostenibilità. La prima edizione, svoltasi l’anno scorso, aveva un titolo emblematico: “La finanza etica non è fantascienza”. Nei panel della prima edizione, tra le altre cose, si è parlato di crisi climatica e sport. Ma le iniziative non si sono svolte solo nella modalità dell’incontro tradizionale. La finanza etica, infatti, è stata proposta anche a tavola e attraverso giochi.

ASCOLTA L’INTERVISTA A CLAUDIA VAGO:

Articolo precedentePDF Smart, l’utilità di sfruttare al meglio la gestione dei PDF
Articolo successivoCargobike e pannelli solari, la cooperativa degli operai dell’ex Gkn ha le idee chiare