Dal 17 giugno al 12 settembre lo spazio in collina nel Parco San Pellegrino accoglierà una stagione culturale trasversale e multi-linguaggio, nella quale convivono teatro , muisca, trekking, yoga poesia e arti varie. Questa è Estate ai 300 scalini, la rassegna culturale a cura del Teatro dei Mignoli, giunta alla sua sesta edizione.

L’estate tra trekking e teatro nei colli bolognesi

La sesta edizione di Estate ai 300 scalini ruota attorno a un tema caro al Teatro dei Mignoli, quello dell’incontro, nel suo significato più ampio e radicale. Incontro tra persone, animali e vegetali, per una contaminazione che ci fa pensare all’ecosistema in cui tutto è intrecciato, collegato tentacolarmente a ogni cosa che ci circonda.

La stagione si aprirà venerdì 18 giugno con uno spettacolo site specific di teatro sensoriale di Gabriella Salvaterra, fondatrice, regista, artigiana e scenografa della compagnia SST Sense Specific Theatre, e che in passato ha fatto parte per vent’anni della compagnia internazionale Teatro de los Sentidos; ai 300 scalini la Salvaterra presenterà Tutto Passa, tutto resta, che andrà in scena il 18 e il 19 giugno, un’esperienza poetica e multisensoriale nell’ambiente naturale dei 300 scalini per due spettatori alla volta.
La rassegna spazierà, poi, dalla poesia, con la presentazione dell’ultima pubblicazione di Beatrice Zerbini (24 luglio), alle colazioni spettacolo del ciclo Sunday Morning (20 giugno + repliche a settembre e ottobre) che, oltre alla produzione del Teatro dei Mignoli, vedrà come ospiti Andrea Cosentino, Teatro delle Ariette e Motus.
E, ancora, la rassegna Orgatronica che per il terzo anno consecutivo metterà in relazione la musica elettronica con l’ambiente naturale dei 300 scalini, proponendo artisti internazionali e locali (il 17 e il 18 luglio e il 5 settembre).

Sabato 26 giugno si terrà un evento a sostegno del giornalismo di inchiesta indipendente dell’associazione DIG, con un incontro fra Alberto Nerazzini, giornalista indipendente nonché vicepresidente di DIG, e Stefano Liberti, giornalista, regista e scrittore.
In occasione del settimo centenario della morte di Dante Alighieri, poi, sarà riproposto, nel mese di agosto, il trekking teatrale del Teatro dei Mignoli DanteLynch, dove il pubblico sarà invitato a inoltrarsi nella natura – da Villa Spada ai 300 scalini – attraverso l’immaginario dantesco e quello di David Lynch, con rimandi ad alcuni suoi film, in un percorso a tappe tra sogno e realtà.
Domenica 8 agosto ospiteremo una serata di Stand Up Comedy con Emanuele Tumolo, Antonio Piazza, Pippo Ricciardi e Angelo Amaro. Durante tutta la stagione sarà possibile seguire corsi di yoga (ogni mercoledì), scrittura e filosofia.

Inoltre, il 29 maggio è stato lanciato un nuovo progetto di rete con altre due realtà della collina, Fienile Fluò e Paleotto 11, per la realizzazione di un trekking “Transcollinare” da Villa Spada al Parco del Paleotto che ha ospitato nelle varie tappe performance artistiche di danza, musica e teatro. Il trekking “Transcollinare” verrà replicato nel mese di settembre.

ASCOLTA L’INTERVISTA A DEBORA BINCI:

Articolo precedentePier Tosi intervista Alborosie
Articolo successivoCon E.lette la scrittura delle donne varca i confini