Dopo l’attivazione delle linee di bus notturni, arriva un’altra tappa per la costruzione del “Piano della Notte” del Comune di Bologna. Fino al 20 febbraio, infatti, tutti i soggetti che vivono la notte, dai residenti a chi di notte lavora, dai frequentatori dei locali ai city users, potranno compilare un questionario che aiuterà l’Amministrazione comunale a comprendere le problematiche e le opportunità della vita notturna bolognese, per arrivare a marzo agli “Stati Generali della Notte”.

Un questionario per l’economia della notte

Il questionario nasce dalla collaborazione del Comune con la Fondazione Innovazione Urbana e ha lo scopo di raccogliere bisogni, priorità e aspettative di chi vive, lavora e attraversa la città di notte.
Nel questionario, che secondo la vicesindaca Emily Clancy «porta via 12 minuti di tempo», vengono sondati temi come la mobilità, la convivenza e la condivisione dello spazio pubblico, l’impatto acustico, l’offerta culturale e le attività produttive, la qualità e la dignità del lavoro. Il questionario può essere compilato fino al 20 febbraio a questo indirizzo.

Lo strumento per sondare le opinioni di chi vive a Bologna “dal tramonto all’alba” si affianca a quanto già avviato in città, come il potenziamento del trasporto pubblico, che da inizio anno vede sei nuove linee di bus notturni all’istituzione di una cabina di regia intersettoriale all’interno dell’Amministrazione. Un insieme di azioni propedeutiche agli “Stati Generali della Notte” che si svolgeranno in città a fine marzo con laboratori, incontri e passeggiate notturne.
Parallelamente al questionario si svolgerà anche un’indagine demoscopica mediante interviste web e telefoniche.

Ma la giunta comunale ha pensato ad un altro strumento per capire problemi e potenzialità della vita notturna bolognese, cioè gli “incontri esperienziali notturni”, attraverso i quali cittadine e cittadini potranno condividere le proprie esperienze. Per invitare l’Amministrazione a provare le diverse situazioni in città è possibile candidarsi per fissare un incontro scrivendo a pianodellanotte@comune.bologna.it, la mail dedicata alle attività relative al Piano.

ASCOLTA L’INTERVISTA A EMILY CLANCY:

Articolo precedenteCinevasioni.edu: il cinema come terapia in ospedale e carcere
Articolo successivo2 agosto, sindaco e famigliari delle vittime in allarme per la commissione d’inchiesta