Si terrà domani la manifestazione nazionale promossa dalla Fiom con l’intento di dare vita ad una “coalizione sociale”. Pullman da Bologna e cortei fino a piazza del Popolo. Papignani: “La ripresa che viene annunciata non c’è, sono tutti contratti precari”.

Domani a Roma scenderanno in piazza lavoratori e lavoratrici, cittadini, associazioni e movimenti in quella che viene considerata la prima manifestazione della “coalizione sociale” promossa da Maurizio Landini, segretario nazionale della Fiom.
Il concentramento è alle 14.00 in piazza Esedra. Da qui il corteo si muoverà lungo le vie della capitale, per raggiungere alle 16.00 piazza del Popolo.
Da Bologna e dall’Emilia Romagna partiranno dei pullman messi a disposizione dai metalmeccanici della Cgil.

Unions!” è il nome che è stato dato alla manifestazione, le cui parole chiave riguardano sia i temi connessi all’occupazione che alla democrazia e all’Europa.
In particolare i manifestanti chiederanno un piano straordinario di investimenti pubblici e privati e nuove scelte di politica industriale, l’aumento di salari e pensioni, oltre ad un diverso modo di gestire le crisi aziendali, attraverso contratti di solidarietà.
Il tema portante, però, è quello della riconquista dei diritti dello Statuto dei Lavoratori, cancellati dal governo con il Jobs Act.
Contestualmente si chiede giustizia sociale, attraverso la difesa di salute, istruzione e assistenza.

Anche la legalità, in seguito alle numerose inchieste per corruzione che stanno attraversando il Paese, è una delle rivendicazioni. Ma le richieste valicano anche i confini e chiedono lo stop alle politiche di austerity europee.
Infine c’è il tema della democrazia, con la richiesta di una legge sulla rappresentanza basata sul diritto di voto di tutti i lavoratori, l’estensione dei diritti di cittadinanza a tutti i lavoratori migranti, con l’abolizione della Bossi-Fini, e lo stop alle deroghe ai contratti nazionali.

Dopo le tensioni tra Landini e Camusso, domani la Cgil sarà in piazza. L’occasione è anche quella di smentire i toni trionfalistici del governo e dei media ad esso allineati sulla fantomatica ripresa economica che sarebbe già in atto.
“Io mi auspico che la ripresa ci sia – osserva Bruno Papignani, segretario della Fiom dell’Emilia Romagna – ma francamente non la vedo. Le nuove assunzioni di cui si parla avvengono comunque con contratti precari”.

Articolo precedenteLa domenica di Radio Città Fujiko
Articolo successivoIn piazza Verdi il “botellón dei senza casa”