Quando la Sound Art incontra la radio: martedì sera, 28 maggio, ore 23 il quinto episodio della trasmissione/progetto di Elena Biserna, Rita Correddu e Alice Militello.

Martedì 28.05.2013

ore 23.00

in diretta su Radio Città Fujiko 103.1 Mhz in Fm | Bologna


live streaming: http://www.radiocittafujiko.it/ 

Episode V

Nel suo saggio Il narratore. Riflessioni sul lavoro di Nikolai Leskov, pubblicato nel 1936, Walter Benjamin piangeva la fine dell’arte del racconto e del narratore, schiacciato dai cambiamenti economici e sociali portati dalla modernità industriale. Settanta anni più tardi, nella nostra “modernità liquida” caratterizzata da una digitalizzazione diffusa e “evoluta” sia dal punto di vista produttivo che distributivo, assistiamo a un diffuso ritorno delle pratiche del racconto, una riscoperta della sua dimensione orale, leggendaria, favolistica in ambiti che gli sono tradizionalmente alieni, come il marketing, il giornalismo, la politica e le arti visive.

Il quinto episodio di bip bop vuole indagare il ruolo e le diverse declinazioni dello storytelling nell’arte contemporanea. Lo farà attraverso una serie di progetti di artisti internazionali, alcuni dei quali inediti, che utilizzano modalità narrative nella loro pratica. Un dialogo tra Luca Cerizza e Marco Belpoliti e una serie di estratti di testi sull’argomento inseriranno questi progetti e il rapporto tra arte visiva e racconto all’interno di una riflessione più generale sulle diverse declinazioni dello storytelling contemporaneo, in una prospettiva che va dalla letteratura alla politica, dal marketing al giornalismo.

Works. L’artista Meris Angioletti presenta un’anteprima del suo progetto realizzato per la mostra “Future Generation Art Prize”, che aprirà l’1 giugno 2013, al Palazzo Contarini Polignac di Venezia: un dialogo in una lingua immaginaria il cui montaggio è basato sulla coreografia della “danza della gru”, un’antica danza rituale greca che sarebbe all’origine della tragedia.

Jochen Dehn presenta alcuni brevi racconti dal tenore per lo più assurdo e umoristico che facevano parte di audio guide per il suo progetto Scuola per l’Invisibilità, tenuto a Bordeaux.

Loose Associations X (2011) di Ryan Gander è un estratto di una lunga conferenza tenuta dall’artista presso la Whitechapel Gallery di Londra nel febbraio 2011 e successivamente riletta da un speaker con l’aggiunta di altri materiali sonori. Loose Associations Lectures sono una serie di conferenze/performance nelle quali l’artista costruisce una sorprendente e articolata serie di relazioni tra immagini trovate su internet, accompagnandole con commenti di ordine culturale, economico e sociale. In questo caso lo spunto iniziale della conferenza è l’utilizzo della lettera X all’interno di ambiti diversi della comunicazione e della cultura contemporanea.

We do not live on the outside of the globe (2013) è un progetto inedito di Louise Hervè & Chloé Maillet il cui spunto deriva da un vecchio B-movie americano (The Mole People, 1956) – la storia degli “Uomini talpa” scoperti da uno scavo archeologico – per discutere la nostra posizione all’interno dell’universo, in uno scenario che accosta archeologia, astronomia e… Super Mario Bros.

Benjamin Seror partecipa al programma con un estratto di Mime Radio (2013), un progetto in fieri che consiste in una serie di performance da lui stesso interpretate in varie occasioni e luoghi. Ogni performance si presenta sotto forma di racconto orale e per lo più improvvisato che andrà a formare un capitolo di un romanzo che lo stesso Seror pubblicherà alla fine di quest’anno. Il racconto dell’artista belga è ambientato nel bar Tiki Coco di Los Angeles dove diversi avventori sono impegnati nel tentativo di forzare le possibilità della parola, interrogandosi sulla sua capacità di evocare e costruire nuove realtà.

Thievery and Songs è un altro progetto inedito, realizzato appositamente per bip bop, da Gernot Wieland. Come spesso accade nella sua opera, l’artista austriaco parte da un nucleo biografico per trasfigurarlo in finzione. In questo caso il racconto si riferisce ad una terapia psicanalitica che giunge a esiti inaspettati.

Parole in libertà. Una conversazione tra il critico d’arte e curatore Luca Cerizza e lo scrittore e critico letterario Marco Belpoliti sulle diverse forme, le ampie possibilità e gli altrettanti rischi, della diffusione dello “Storytelling” in diverse sfere dell’arte e della comunicazione contemporanea, tra arte, letteratura, marketing e politica.

Interludi. Walter Benjamin, Walter J. Ong, Frank Rose…

Courtesy gli artisti.

Foto: L. Hervè & C. Maillet, La prova delle lacrime, performance Castello Sforzesco, Centre Culturel Français, Milano, 2011.

bip bop è un appuntamento radiofonico a cadenza mensile pensato come uno spazio espositivo volto a indagare le potenzialità estetiche, sociali e culturali della radio attraverso la pratica artistica e musicale contemporanea. 
Ospitando progetti context specific, riproponendo lavori già realizzati, interagendo con altre radio, rispolverando documenti della storia passata e recente, bip bop stratifica prospettive e visioni attorno a un focus tematico scelto di volta in volta.

bip bop è un progetto di Elena Biserna, Rita Correddu e Alice Militello per Radio Città Fujiko 103.1Mhz in Fm I Bologna

bip bop – episode V  è co – curato con Luca Cerizza.

Prossimo Appuntamento:

28 giugno h. 23.00.

Info e contatti:

e-mail: bipbopradio@gmail.com 

web: http://bipbop.org 

twitter: @bipbopradio

Articolo precedentePremio Maccio Capatonda 2011, cinema alla radio
Articolo successivoNon c’è pace per i centri sociali: ora rischia Vag61